Vynil Sellout – Febbraio 2016

Nonostante il numero di articoli sia diminuito, il Vynil Sellout rimane un appuntamento fisso su questo blog.

Preparatevi per il solito e sorprendente viaggio all’interno di tre diversi brani musicali e le storie che nascondono, i segreti e le curiosità che li legano ad altri elementi.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Francesca Michielin Jack Garratt Alessia Cara

 

1- Il Mio Canto Libero – Francesca Michielin
A contrario di come è successo nel Vynil Sellout di 12 mesi fa, i tre brani non saranno totalmente dedicati a Sanremo. La kermesse musicale ha proposto brani apprezzabili, che spaziavano in ogni genere, ed ha visto trionfare gli Stadio con “Un giorno mi dirai“. Quello che mi ha fatto desistere dal replicare ad un’edizione sanremese di questa serie è la mancanza di veri brani di spicco in questo Sanremo 2016: nessuna delle canzoni proposte ha davvero rubato la scena.
Hanno lasciato molto più il segno le cover del giovedì sera, tra cui hanno brillato la “Don Raffaè” di Fabrizio De Andrè ed interpretata da Clementino e questa proposta di Francesca Michielin (seconda nella gara e rappresentante italiana all’Eurovision Song Contest) che ha voluto cantare una delle canzoni più famose di Lucio Battisti. La poesia delle parole acquista nuovo significato quando, invece del canto intimo del cantautore spirato, ci troviamo di fronte ad una interpretazione ed arrangiamento più “pop”, energico, sicuro e di sicuro effetto.

2- Breathe Life – Jack Garratt
Mi sentivo come nel pieno di una crisi di un quarto’età, ma non avevo nemmeno 20 anni“. Fa quasi senso sentire queste parole, ma rincuora il sapere che questa crisi ha portato al mondo musicale un talento come quello di Jack Garratt.
Il 24enne inglese ha espresso queste parole in un’intervista dopo aver vinto il BBC Sound of 2016 e riferendosi al momento dopo il 2012 quando decise di lasciare l’università e la scrittura del suo primo album con un’etichetta indipendente perchè sentiva di scrivere canzoni solo per soddisfare il pubblico e non che rendessero soddisfatto anche sè stesso. Da qui la spinta a lavorare duro su “Phase“, il primo album che ha già raccolto molto successo in Gran Bretagna e si appresta a sfondare anche nel resto del mondo avendo già bussato alle porte dell’Italia con “Worry“.
La mia scelta è ricaduta su “Breathe Life” perchè lo ritengo un brano più completo, che rappresenta sia la sua abilità canora sia quella strumentale, con la sua poliedricità messa al servizio della produzione.

3- Here – Alessia Cara
Diciannove anni e già un EP ed un album alle spalle. “Four Pink Walls” e “Know-It-All” sono i lavori pubblicati in pochissimo tempo con la Def Jam e che hanno lanciato la giovanissima canadese di origini calabresi (vero nome Alessia Caracciolo) dal mondo di YouTube alla vera e propria scena musicale. Per farvi capire l’impatto che ha avuto Alessia Cara, vi basti pensare che nel sopracitato BBC Sound of 2016 lei si è piazzata seconda.
Tutte le sonorità blues e R&B che permeano questa canzone danno ancora più significato ad un testo che esprime il disagio della cantante a partecipare ai tipici party adolescenziali. Confesso che, come un controsenso, apprezzo tanto la versione normale quanto il remix prodotto da Lucian, in una versione trap dalla carica intensa ed esaltante.

Annunci

Pubblicato il 28 febbraio 2016, in Musica con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: