Archivi Blog

Fantasy Kit Design – Aston Villa

Si torna in Europa per il nuovo Fantasy Kit presentato in questo post. Questo è uno dei Kit Design con il quale ho avuto più difficoltà, quello del

ASTON VILLA

Aston Villa Fantasy Kit Away

La difficoltà è stata tutta nella scelta dei colori, in quanto i Villans per il completo da trasferta cambiano regolarmente la combinazione cromatica. Tra gli svariati intrecci, la scelta è ricaduta su quella del kit away usato tra il 1990 ed il 1993: maglia bianca con tocchi di nero e azzurro, realizzata dalla Umbro.

La scelta per lo stile, invece, è ricaduta sulla divisa Le Coq Sportif dell’annata 1983/1984, con le righe gialle e claret orizzontali a troneggiare sullo sfondo bianco. Con il cambio cromatico previsto ed il raddoppio delle linee, ecco servito il mio completo dell’Aston Villa, da completare con i dettagli.

Pantaloncini e calzettoni sono neri con dettagli, sempre a righe orizzontali, bianche e azzurre. Il colletto a girocollo profilato è corredato sul retro del motto della squadra di Birmingham (Prepared) ed il tutto è griffato Errea, un marchio mai apparso sulle maglie dell’Aston Villa, ma che è italiano come la attuale Macron.

Voi che ne pensate di questa maglia?

Annunci

Fantasy Kit Design – Crotone

Iniziamo questo settembre di Fantasy Kit con una delle realizzazioni di cui sono più soddisfatto, nonostante la sua poca originalità. Questa settimana il Kit Design è dedicato al

CROTONE

Crotone Fantasy Kit Away

Perchè soddisfatto anche se poco originale? Partiamo dal principio: questa sfida richiedeva di realizzare un kit away per la squadra calabrese, che includesse i colori sociali (blu e rosso) e nel contempo desse libero spazio alla fantasia. Da qui è partito il primo spunto, mentre il secondo sono state le divise recenti da trasferta del Crotone.

Negli ultimi anni la partnership con Zeus ha prodotto maglie molto interessanti come stile, ma incredibilmente simili ai dei modelli che Adidas ha prodotto negli anni precedenti, come la maglia da trasferta del Crotone 2013/2014 che fa il verso (e tanto) a quella del Lione stagione 2010/2011.

E allora perchè non ripetere questo esperimento? Magari con un’altra maglia dello sponsor tedesco. E magari tenendo lo schema di colori azzurro-rosso-blu. Ed ecco che prende vita la mia creazione, ricalcando – e modificando nei punti giusti – la maglia del il Messico indossata nei Mondiali 2014. Pantaloncini blu, calzettoni azzurri e personalizzazioni bianchi completano il kit.

Voi che ne pensate di questa maglia?

Fantasy Kit Design – Manchester United Away Anni ’90

Dopo una settimana di pausa (causa ferie), eccoci nuovamente con i Fantasy Kit! Il Kit Design di oggi è certamente uno dei più particolari che abbia mai realizzato, quello del

MANCHESTER UNITED

Manchester United Fantasy Kit

Il motivo della sua particolarità non sta tanto nella squadra scelta, quanto nella tipologia di maglia richiesta. Un completo da trasferta ispirato alle maglie anni ’90. Se non sapete di che parlo, basta che immaginiate le divise più strampalate e bizzarre che possano esistere e farle indossare a 22 giocatori su un prato verde. Per farvi un’idea, potete dare un’occhiata a questo link.

Per quanto riguarda quella dello United, il punto di partenza è stato un template Umbro, ovvero un marchio legato indissolubilmente con i Red Devils. La scelta dei colori è stata invece abbastanza semplice: basandomi sui primi colori storici del Manchester United e sul loro third kit delle stagioni 1992-94, ho optato per nero, giallo e verde.

Tenendo la base nera, sono andato (quasi) letteralmente sulle ali della fantasia ed ho dato vita ad una maglia che trova nelle linee rigide la sua trama principale, dando quel tocco di colore che dà vita alla maglia stessa. In più ci sono due pattern diversi che aggiungono movimento al fondo nero, chiari riferimenti allo sponsor tecnico. La stessa scelta cromatica è stata fatta sia per i pantaloncini sia per i calzettoni. Il retro della maglia è nero con il numero 7 di Eric Cantona, il giocatore simbolo di quel periodo.

Voi che ne pensate di questa maglia?

Fantasy Kit Design – Lazio Goalkeeper Kit

Nuovo mese, stessa infornata di Fantasy Kit, che con il caldo di queste ore è il termine più azzeccato. Il Kit Design di questa settimana vede come protagonista la

LAZIO

Lazio Fantasy Kit Goalkeeper

E qui continuano le innovazioni del torneo, perchè per la prima volta la sfida è incentrata sulla maglia per il portiere. Per i biancocelesti, recentemente punta di diamante della Macron, ho pensato di mantenere lo sponsor tecnico e fare qualcosa di molto simile alle recenti creazioni, ma con un tocco sempre di innovazione.

In questo caso ho pensato di utilizzare come base il grigio, colore che fa sempre la sua figura quando indossato dall’estremo difensore. Il secondo spunto è venuto dalle recenti divise della Lazio, che vedevano delle strisce sottili azzurre su sfondo bianco per la divisa da trasferta. Il kit away 2014/2015 della Lazio è stata la mia ispirazione.

Ma come associarlo al grigio di fondo? Presto detto: la mia idea è stata quella di ricreare una grafica a vette da inserire nella parte superiore, per aprire un cielo dove l’aquila sullo stemma possa volare liberamente. Per non spezzare la trama e darle continuità, l’ho inserita anche nella parte inferiore dei pantaloncini, dandogli quel tocco di originalità necessario per distinguerli dalla massa.

Voi che ne pensate di questa maglia?

Fantasy Kit Design – Fenerbahce

Come già avrete avuto modo di vedere, questo contest di Fantasy Kit prevede molte particolarità. Così, dopo le maglie per gli arbitri e da allenamento ecco il primo Kit Design per una maglia da trasferta, realizzato per il

FENERBAHCE

Fenerbahce Fantasy Kit Away

In occasione della sfida, ho voluto azzardare con la creatività. Nella storia del club turco ci sono state svariate divise away con le fantasie più disparate, ma principalmente con il bianco come colore di fondo. Tenendo questo come punto di partenza, ho cercato anche un punto di riferimento: l’ho trovato nella foglia di quercia presente al centro dello stemma societario.

La foglia, oltre ad essere presente dietro al colletto a girocollo blu chiuso da bottoni, si trova al centro del petto, che “cresce” dalla banda centrale tripartita con i colori dei Sarı Kanaryalar (“Canarini Gialli”). Lo stile a raggiera che parte dal fondo maglia aumenta la dinamicità della grafica , che trova negli altri spicchi una trama a specchio con dei disegni che richiamano al logo Umbro, lo sponsor tecnico scelto per questa maglia.

I disegni del doppio diamante sono ripresi anche sui pantaloncini, per dare al tutto un tocco anni ’90. A completare il kit ci sono i bordo manica, le strisce oblique sui pantaloncini e quelle orizzontali sui calzettoni sottili in gialloblu. L’ultimo dettaglio che ho inserito è la colorazione del font per i numeri, che riprendere quella del logo: blu con banda gialla al centro.

Voi che ne pensate di questa maglia?

Arsenal + Puma = Bocciatura totale

Quattro mesi fa parlavo della sciagurata scelta di Adidas per le maglie dei prossimi Mondiali di calcio.
Cambia marca, cambia competizione, ma la sensazione di disfatta e delusione rimane.
Profonda delusione per il lavoro della Puma con l’Arsenal.

Arsenal 14 15 Puma Home Shirt Henry Sagna Giroud

Le prime immagini della maglia casalinga dell’Arsenal, qui indossata da Henry

 

Italia Italy Jubilo Iwata Home Away 2014 2015 Mondiali Brasile Mundial Brazil

Le nuove maglie di Italia e Jubilo Iwata

All’annuncio dell’accordo avevo sperato che, date le cifre importanti (180 milioni di € in 5 anni), il marchio tedesco avrebbe abbandonato il suo solito modus operandi. Con le sue squadre di maggior profilo prepara, a suo dire, kit esclusivi e inediti alla presentazione, per poi riproporli nemmeno un mese dopo per tutte le altre squadre con un livello minore di sponsorizzazione. Se non ci credete, andate a vedere prima le nuove maglie dell’Italia e poi quelle preparate per i giapponesi del Jubilo Iwata. Notate delle somiglianze? E se vi dicessi che addirittura sono uscite prima quelle del Jubilo?
Speranza ovviamente vana la mia, perchè indiscrezioni e immagini uscite sule future maglie dei Gunners non fanno altro che confermare il classico modo di agire del brand felino.
Facciamo un’analisi di queste divise che, per quanto interessanti e piacevoli possano apparire, capirete presto essere semplicemente la brutta copia di qualcosa di già utilizzato. Come per Italia e Jubilo Iwata.

Arsenal Leaked Home Away Jersey 2014 2015

Le maglie home e away dell’Arsenal per la stagione 2014/15

La maglia home è la classica divisa con corpo rosso e maniche bianche, arricchita da: bordomanica rotondeggiante rosso con striscia bianca, striscia rossa sulle spalle che spezza la continuità con le maniche, sponsor in bianco, riga bianca spezzata sui fianchi e lato bianco che prende posto anche nel fronte della maglia. Senza dubbio una maglia interessante, se non fosse che è esattamente lo stesso modello usato per le divise casalighe di Repubblica Ceca e Slovacchia. Per questa maglia si possono vedere anche i pantaloncini (bianchi con riga sottile bianca) e il calzettoni (a hoops biancorosse).
La maglia away torna a vestire di giallo il busto e di blu le maniche. Questa volta i dettagli sono il bordomanica rotondeggiante giallo con striscia rossa, riga rossa spezzata sui fianchi e sponsor in rosso. E anche qui il modello è esattamente ricalcato da uno già usato, quello per le divise da trasferta di Svizzera, Repubblica Ceca e Slovacchia. Per i pantaloncini si parla di blu con dettagli gialli.
Le indiscrezioni parlano anche di una terza maglia, che dovrebbe essere in due toni di blu con dettagli verde lime. Per una terza divisa sembra interessante, ma rimane comunque la speranza che almeno per questa venga elaborato un lavoro originale.

Arsenal Home Shirt 2014 2015

In vetria e sul catalogo, il nuovo kit home dell’Arsenal

Per quanto mi riguarda, il disappunto è pressochè totale: per il tipo di contratto stipulato con l’Arsenal (così come meriterebbero Italia e Borussia Dortmund), la Puma dovrebbe realizzare modelli unici. E invece i Gunners si ritrovano con due modelli di maglie cosiddetti “da catalogo” e l’aggiunta di qualche particolare qua e là. E il mio dispiacere per l’abbandono della Nike non è minimamente mitigato.
Primo anno tra Arsenal e Puma: bocciatura totale.

Napoli, Gamba Osaka, Atletico Nacional e quella voglia di anni ’90

Napoli Gamba Osaka Atletico Nacional Logo Fusion

Chi segue le presentazioni delle maglie da calcio in giro per il mondo, sa che in questo periodo escono le squadre di campionati esotici come quelli asiatici o sudamericani. Sarà la voglia di ripescare dal passato, sarà che probabilmente le idee cominciano a scarseggiare, ma alcune delle maglie che iniziano a circolare ci riportano direttamente alle divise degli anni ’90.
Quelle maglie dalle fantasie impensabili (a volte improponibili), colori sgargianti e effetto traslucido a non finire. Roba che se dovesse finire nelle mani di uno stilista di alta moda inorridirebbe.

Roba che a me piace tanto. Ma tanto tanto tanto.

Facciamo un veloce viaggio intorno al globo per vedere le proposte “back to the ’90s” uscite in questi ultimi giorni.

 

1° tappa – Gamba Osaka, J-League
Gamba Osaka shirt maglia home 2014 J LeagueIl giro inizia dal Giappone, dove pochi giorni fa il Gamba Osaka ha presentato le suo nuove maglie firmate Umbro. Classica maglia a righe verticali neroblu per l’ultima squadra nipponica ad aver vinto la AFC Champions League e appena tornata nella massima serie dopo un anno in seconda divisione. Presenti elementi in rosso a simboleggiare la rinascita del club con l’obiettivo di puntare di nuovo a grandi traguardi accompagnati dal motto “Rising G“. Ciò che colpisce è soprattutto la trama, che presenta richiami su tutta la maglia al diamante della Umbro. Decisamente anni ’90.
Gamba Osaka shirt maglia away goalkeeper portiere 2014 J LeaguePer la divisa da trasferta il richiamo si fa ancora più intenso: c’è ancora la trama con il simbolo dello sponsor tecnico su campo bianco, in aggiunta sul lato sinistro prende la colorazione nera e blu, creando un motivo diagonale che si sviluppa verticalmente. Il resto della maglia accoglie dettagli in blu e nero, con il diamante Umbro in rosso. Lo stesso motivo è utilizzato per le tre maglie del portiere (rossa, nera e gialla).
Inter maglia away trasferta 1991 1992Ai più attenti, o semplicemente agli appassionati, queste due maglie possono richiamare alla mente quando il marchio britannico vestiva più di un decennio fa l’Inter. In particolare la maglia away della stagione 1991-92, quando i nerazzurri sfoggiavano una maglia bianca con trama lucida del diamante Umbro alternato al nome della squadra e nella parte alta presentava dei triangoli neri e blu che partivano dalla manica destra e finivano sulla spalla sinistra. Quella era soltanto la prima di moltissime maglie che inondarono i campi della Serie A di fantasie colorate (e spesso non apprezzate).

 

2° tappa – Atlético Nacional de Medellín, Categoría Primera A
Atlético Nacional de Medellín Categoría Primera A Colombia maglia shirt home away casa trasferta 2014Atterriamo in Colombia per vedere le maglie dell’Atlético Nacional, che nel 2013 hanno vinto tutti i trofei nazionali: Torneo Apertura, Torneo Finalización e la Copa Colombia. I biancoverdi sono sponsorizzati dalla Nike, che per il nuovo torneo di Apertura ha previsto un pattern estremamente anni ’90: le strisce bianche sono composte da piccole forme regolari in diverse gradazioni di bianco, che ricreano un perfetto effetto lucido. L’assenza di un bordomanica a tinta unita amplifica questo salto indietro nel tempo e rende la divisa un ottimo omaggio a quei tempi.
Per le trasferte dei Verdolagas, il baffo americano ha mantenuto lo stesso effetto, rimescolando un pò le carte. Le strisce da verticali diventano orizzontali e il colore principale diventa il viola, alternando strisce a tinta unita a quelle coi rettangoli, stavolta in diverse tonalità di viola.
La Nike ha motivato la scelta di questo particolare pattern come un richiamo all’architettura della città di Medellín, ricca di edifici in mattonato a vista. Questo, legato al richiamo agli anni passati, mi fa davvero adorare queste maglie e apprezzare il lavoro degli americani. Ora la domanda da porsi è: vedremo questo pattern anche sulle maglie delle squadre europee?

 

3° tappa – Napoli, Serie A
Napoli quarta maglia Xtreme 2014L’ultima tappa è nel Bel Paese, per una maglia che è tutto tranne che bella. Il Napoli ha presentato la quarta maglia: identica alla seconda con la fantasia militare, alla quale vengono aggiunti l’azzurro e il giallo rispettivamente dalla prima e dalla terza maglia. Così, come se qualcuno avesse pensato che ce ne fosse stato davvero il bisogno di rovinare una maglia già brutta di suo.
L’accostamento alle divise anni ’90 viene dall’ardito accostamento dei colori. Vedere verde scuro, azzurro e giallo insieme non è cosa da tutti i giorni, e probabilmente dieci e passa anni fa si sarebbero visti giusto su una maglia da calcio. Magari quelle del portiere, dove osavano decisamente troppo per i gusti di chiunque.
Napoli quarta maglia Xtreme 2014 Jorginho personalizzazioniLe ragioni che hanno portato alla nascita di questa maglia sono due. La prima è che i partenopei con Macron sono in causa con un’azienda che rivendica lo sfruttamento della fantasia camouflage (come se fosse stata un’azienda ad inventare il mimetico…). La seconda è che la prima mimetica ha avuto talmente tanto successo nelle vendite che De Laurentiis e i suoi amiconi bolognesi hanno pensato bene di tirare su qualche altro soldino. Non tenendo tanto da conto che va bene riciclare, ma anche l’occhio vuole la sua parte. Insomma, anche fare una canoa con le bottiglie di plastica usate è un buon modo di riciclare, ma ce n’è davvero bisogno?

 

Finisce il viaggio per vedere le nuove maglie che ci riportano indietro con la memoria a quando in mezzo al campo si ammiravano i numeri di Roberto Baggio, le reti di Marco Van Basten e le giocate di Lothar Matthäus.

A voi piace questo stile? Lo vedreste bene sulle maglie della vostra squadra del cuore?