Archivi Blog

Vynil Sellout – Aprile 2016

Il  Vynil Sellout è sempre qui per proporvi la musica giusta.

Tre tracce e ciò che celano: gli artisti, le loro carriere, fatti legati ai brani e ciò che portano e ispirano.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Imany Sia Justin Bieber

 

1- Don’t Be So Shy – Imany (Filatov & Karas Remix)
Da atleta di salto in alto a modella e da modella a cantante. Quanti stravolgimenti nella vita di Imany, nome d’arte della 37enne Nadia Mladjao che da qualche anno ha deciso di dedicare la sua vita artistica alla musica.
La canzone originale ha un’atmosfera molto intima, dove la sua voce viene accompagnata soltanto dal pianoforte ed effetti: un brano perfetto per momenti rilassanti. Per farle raggiungere il successo ci voleva l’intervento di Filatov & Karas, una coppia di dj russi che ha reso il pezzo della cantante francese un disco dance pop che sta conquistando le radio.

2- Move Your Body – Sia
Al contrario dell’esempio precedente, la vita di Sia Furler è stata completamente dedicata alla musica. Il pubblico ha imparato a conoscerla nel 2011 con “Titanium” di David Guetta, per poi consacrlarla grazie a “Chandelier” due anni fa. In realtà la 41enne (GIA’!) australiana ha fatto di tutto nella sua carriera musicale: acid jazz, r’n’b e tanto pop, soprattutto per gli altri.
Sia infatti è conosciuta anche per aver scritto moltissime delle canzoni rese celebri da altre cantanti pop di altissimo livello come Rihanna, Beyonce e Adele. Soprattutto il suo ultimo album “This Is Acting” si vocifera sia composto tutto da canzoni scartate dalle altre star. Per esempio, provate a sentire “Move Your Body” e ad immaginarla con la voce di Shakira…

3- Company – Justin Bieber
Sì. Purtroppo sì. Odio tanto Justin Bieber tanto quanto odio ammettere che il suo ultimo album “Purpose” è una bomba. E’ raro al giorno d’oggi vedere un album pop così completo, che svaria dal dance alle ballate ai motivetti che rimangono in testa.
Passate le fasi di bambino prodigio e di adolescente ribelle, possiamo dire che il 22enne del Canada stia entrando nella fase di cantante affermato. Questo suo ultimo lavoro è encomiabile: produzioni cucite su misura sulla sua voce, una collana di 18 perle che vale la pena di scorrere per intero. Ora vado a farmi fustigare per aver appena scritto questo.

Vynil Sellout – Dicembre 2015

Ecco il Vynil Sellout di dicembre, l’ultimo per questo 2015.

Per chi si aspetta un meglio dell’anno appena passato, se lo scordi! La musica è in continua espansione e così questa rubrica: altre 3 nuove canzoni, accompagnate dalle loro storie e dai loro segreti.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout 99 Souls Otto Ohm J Cole

 

1- The Girl Is Mine – 99 Souls ft. Destiny’s Child & Brandy
Negli ultimi mesi la musica elettronica, in un discreto numero di suoi sottogruppi, sta riscoprendo gli anni ’90. Molte sono le produzioni, remix o campionamenti che pescano a piene mani da quel decennio musicale che ci ha lasciato tanto tra cui le Destiny’s Child.
Non è solo il gruppo canoro che ha lanciato la carriera di una certa Beyoncé, ma anche quello che ha dato una grossa spinta al movimento R’n’B negli USA facendolo diventare il genere di riferimento a cavallo tra i due secoli. Se alla traccia audio della loro “Girl” ci aggiungete quella di “The Boy Is Mine” delle meno internazionalmente famose Brandy & Monica e servite tutto su una base house dal ritmo irresistibile ed ottenete “The Girl Is Mine“, la traccia che ha esposto il duo britannico 99 Souls alla luce del sole.

2- Come L’ultimo Giorno – Otto Ohm
Una delle mie scoperte recenti, per la quale devo ringraziare il mio costante ascolto di Radio Deejay. L’assurdo è che la scoperta avviene 18 anni dopo la fondazione della band: questo gruppo italiano è nato nel 1997 ed ha inanellato una serie di premi che molti gruppi nati e morti in questi anni.
Il piglio della canzone, secondo singolo estratto dall’ultimo album “Boxer“, è decisamente reggae con sullo sfondo le chitarre elettriche che imperversano e rendono il brano ancora più travolgente.
Se sono curioso di sentire altro loro materiale? Decisamente sì!

3- G.O.M.D. – J. Cole
Traccia numero 8 di “2014 Forest Hills Drive“, album uscito 12 mesi fa, la traccia della canzone è la classica ostentazione dei rapper ad elevarsi al di sopra dei colleghi dissimulando minacce. Ma se non fosse così?
In effetti così non sembra, anche se gli elementi citati sopra ci sono tutti. Osservando il video si vede come il rapper 30enne, schiavo di una piantagione del sud degli Stati Uniti e poco amato dai “colleghi” per un certo livello ha raggiunto nella magione, guidi la rivolta al potere e la conquista della libertà. Da qui la chiave di lettura potrebbe cambiare e rivolgersi agli ascoltatori come un nuovo leader del genere musicale, con le proprie idee e disposto a trainare chi lo voglia seguire.
Sarebbe anche una buona giustificazione per il titolo: l’acronimo di “Get Off My D**k“.

Cover of the Week #6 – “Drunk In Love” di Ed Sheeran

L’appuntamento ormai fisso della domenica del TARDIS è qui. Il sesto incontro con il Cover of the Week ha inizio!
Venite ad ascoltare la cover che vi consiglio questa settimana.

ed-sheeran-beyonce

La mia scelta è ricaduta su un giovane cantautore da poco esposto al palcoscenico mondiale e che sta ricevendo tanti complimenti. Parlo di Ed Sheeran: ragazzo inglese affacciatosi nel mondo della musica nel 2005, a soli 14 anni, e che con tanta tenacia è riuscito a conquistarsi da solo un’enorme fetta di pubblico, fino ad essere avvicinato da Pharrell Williams che ha prodotto il suo ultimo album.
Si trova qui in questa rubrichetta per la sua cover di “Drunk In Love“, canzone recente di Beyoncé. Mi sembra piuttosto inutile parlarvi della cantante americana più famosa degli ultimi anni, che insieme al marito rapper Jay-Z sono la coppia del momento e da poco hanno anche iniziato un tour insieme.

 

Cliccate qui per ascoltare il brano originale, mentre per la cover trovate il video qui sotto.

Top 5 – I migliori dischi del 2013

E siamo alla fine anche di questo anno. Il 2013 è stato pieno di sorprese (come ogni anno del resto, sfido a passare un anno dove non succede nulla!) e dal punto di vista musicale ha regalato moltissimi prodotti di qualità.
C’è modo migliore, se non una bella Top 5, per presentare i migliori dischi di quest’anno? Ovviamente no!
O magari c’è. Ma quando lo presentavano stavo andando a comprare la carta igenica.
Ci stavo coprendo la casa del presentatore.

E’ cosa buona e giusta ripeterlo ogni volta: questa Top 5 è la mia personale! Se avete opinioni diverse potete esprimerle con un commento, ma evitando epiteti gratuiti ed inutili. Anzi vi invito a suggerirmi pubblicazioni di quest’anno che non sono presenti in classifica per sentirle e, perchè no, scriverne qui.
Ma vi dico subito: i Vaiacagar non li ascolto.
Non mi piace la musica folk.

Copertina Clementino Mea Culpa 2013

5°: Clementino – Mea Culpa
Questo album, a mio modo di vedere, è il migliore tra quelli rap nel nostro paese. Sono usciti altri dischi interessanti (Dargen D’Amico, Fabri Fibra, Gemitaiz, Salmo), ma quello della Iena è senza dubbio il migliore. Unisce brani tipicamente hip hop a pezzi con basi morbide, come la hit O’ vient. Stessa hit che lo lancia come nuovo rappresentate della musica partenopea, con quel misto tra italiano e napoletano che lo rende un piezz ‘e core di tutti.
TRACCIA CONSIGLIATA: Fratello (ft. Jovanotti) —> Ascolta QUI

Ellie Goulding Halcyon Days Deluxe Version 20134°: Ellie Goulding – Halcyon Days
In teoria non vale, perchè è un repackaging dell’album del 2012, Halcyon, con qualche canzone in più. Però sono costretto a concedere un permesso straordinario: quelle canzoni in più sono straordinarie!
Devono, perchè meritano, stare dentro questa Top 5. La voce e lo stile della cantante inglese rimangono unici, lei è la sola che può realizzare i brani che fa.
TRACCIA CONSIGLIATA: Tessellate —> Ascolta QUI

Jay Z Magna Carta cover3°: Jay-Z – Magna Carta
Il Signor Beyoncé ha sfornato quello che in gergo viene chiamato “un album della madonna”.
Dentro c’è tutto quello che l’hip hop Made in USA ha da offrire: basi spettacolari, testi e flow da pelle d’oca. Senza parlare delle collaborazioni: Justin Timberlake, Frank Ocean, Rick Ross e non poteva mancare Beyoncé.
Shawn Corey Carter: hai fatto centro.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II (On The Run) (ft. Beyoncé) —> Ascolta QUI

Paramore Paramore 2013 cover cd2°: Paramore – Paramore
Il ritorno che io e milioni di altri fan aspettavamo. Nonostante la partenza di due elementi della band, il gruppo si è rialzato e ha pubblicato un disco che gli dona un’identità indissolubile. Il loro rock si ramifica e abbraccia tutto il mondo musicale. Questa musica E’ i Paramore, e il loro nome usato anche per quello del disco ne è la prova.
E poi c’è la voce di Hayley Williams.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II —> Ascolta QUI

Daft Punk Random Access Memories cd cover1°: Daft Punk – Random Access Memory
Mi spiace, ma non potete dire niente. Se avete sentito solo due canzoni non potete capire l’immensità di questo lavoro discografico. Un album sensazionale, fatto da due mostri della musica, più che elettronica.
Per convincervi, leggete le parole di Giorgio Moroder, apripista negli anni ’70 nell’uso delle nuove tecnologie nella musica e collaboratore in uno dei brani: “Quando sono andato allo studio di registrazione, era tutto pronto e vidi tre microfoni. Mi dissi ‘hanno paura che un microfono non funzioni‘, così chiesi al tecnico: ‘Perchè state usando tre microfoni?‘. Lui disse: ‘Quello sulla sinistra è per i vecchi suoni anni ’60, uno per gli anni ’70 e questo per quelli dei giorni nostri‘. ‘Chi sentirebbe la differenza?‘ e lui disse: ‘Nessuno‘. Così dissi: ‘Perchè Thomas (Bangalter, uno dei due Daft Punk) lo sta facendo?‘. ‘Oh,‘ disse ‘lui sentirebbe la differenza!“.
TRACCIA CONSIGLIATA: Instant Crush (ft. Julian Casablancas) —> Ascolta QUI

 

Come detto in precedenza, attendo i vostri commenti per sapere che ne pensate e quali album si trovano nella vostra personale classifica.
Auguro a tutti un felice anno nuovo, e che ci porti tanta tanta tanta bella musica come nel 2013!