Archivi Blog

Sala d’attesa – #9

Sala d'attesaSiete seduti ad aspettare il vostro turno dal dentista e le riviste di gossip non vi esaltano? Dovete attendere che il meccanico ripari la vostra auto e sapete che è inutile sfogliare il giornale alla ricerca di auto usate perchè sai che non la cambierai? La coda in posta si è ridotta ad una partita infinita ai giochini sul cellulare?

Prenditi un break come si deve e leggi uno di questi 15 articoli! Assicurato al 100%, la noia non sarà più un problema.

IL RAGNO NERO
In questa uscita di Sala d’attesa partiamo da lontano, con un racconto che intreccia calcio e politica in un periodo difficile come gli anni ’60. Quegli anni il mondo del pallone era ancora pesantemente sotto l’influenza degli stati, soprattutto l’Unione Sovietica: un gigante nelle mani (letteralmente) di Lev Ivanovič Jašin, unico portiere a vincere il Pallone d’Oro.

NARCOFUTBOL – IL CALCIO AI TEMPI DI PABLO ESCOBAR
Passano gli anni ed il calcio rimane sempre ai potenti, ma stavolta dall’altro lato della legalità. Crampi Sportivi racconta di quando diverse squadre della Colombia finirono sotto il controllo dei trafficanti di droga, tra tutti l’Atletico Nacional de Medellin: i biancoverdi hanno avuto come patron niente meno che il Re della cocaina.

RIVALITA’ RINFRESCATA
Per fortuna le alte sfere ora hanno molto meno le mani dentro al calcio, ma gli avvenimenti influiscono comunque sul mondo del pallone. Basta pensare alla rivalità che c’è tra le nazionali di Stati Uniti e Messico, dove i primi vantano una striscia di vittorie sui secondi. Ma come cambiano le cose se tra le due squadre si mette il muro di Donald Trump?

IL BELLO DELL’EUROPA LEAGUE VOL. 5
Si chiude la fase a gironi dell’Europa League e in questo articolo Ultimo Uomo fa una lista delle cose che ci mancheranno delle squadre eliminate. L’incostanza dell’Inter e la nebbia del Sassuolo sono immancabili, ma altre cose qui presenti sono degne certamente di essere menzionate.

A CHI SERVE IL PAREGGIO?
Tra le qualificate nella seconda competizione europea c’è il Manchester United di Josè Mourinho, che sta faticando in Premier League. Qua viene messa sotto la lente d’ingrandimento la sfida di campionato contro l’Arsenal: un pareggio che non è servito a nessuna delle due squadre, ma che ha comunque dato ottimi spunti di osservazione.

IL LIPSIA TI METTE LE ALI
Chi invece sta volando in campionato è il RB Lipsia, neo promossa della Bundesliga che domina il campionato davanti di tre punti al Bayern Monaco. La squadra non ha però i tratti della favola: è odiata da tutti in Germania per essere di proprietà della Red Bull e dietro ha un vasto sistema di scouting e programmazione tattica.

I LAPTOP TRAINER E LA NUOVA SCUOLA TEDESCA
Non è una novità che in Germania ci siano allenatori in grado di far fare risultati straordinari alle proprie squadre. Basta pensare a Jurgen Klopp e all’ondata di allenatori venuta dopo di lui, figli della rivoluzione calcistica che i tedeschi hanno intrapreso dopo il fallimentare mondiale del 2006.

BORUSSIA DORTMUND E LEGIA VARSAVIA HANNO ROTTO IL CALCIO
La scuola tedesca ha rilanciato negli ultimi anni un club storico come il Borussia Dortmund, che nella sfida di Champions League contro il Legia Varsavia, hanno decisamente infranto più di qualche record con il loro risultato finale di 8-4 in favore dei tedeschi.

IL MITO DEI BOMBER DI PROVINCIA
Rimanendo in tema di goal, bellissimo long form di Ultimo Uomo che racconta da vicino sette dei famosi bomber di provincia, un tipo particolare di attaccante che negli anni ’90 ha imperversato sui campi della Serie A. I metodi di scelta sono stati molto ristrettivi per trovare i giocatori che rappresentassero al meglio la categoria; state tranquilli: Dario Hubner c’è!

LA MODERNITA’ DI PAOLO POGGI
Uno dei grandi esclusi dall’articolo precedente è Paolo Poggi, attaccante che ha iniziato e chiuso la carriera a Venezia, ma è diventato grande con l’Udinese. Rivista Undici, grazie ad un’intervista, ripercorre la sua carriera ed il suo modo di giocare, tremendamente affine al modo che hanno gli attaccanti di oggi di interpretare il ruolo.

IL CULTO DI LAMBERTO ZAULI
Da un mito all’altro, anche Lamberto Zauli si rivela e si ripercorre attraverso le sue parole. I suoi anni al Vicenza l’hanno lasciato nella memoria di tutti i cultori del calcio italiano, ma non vanno dimenticati anche i suoi anni a Bologna e Palermo, dove il suo culto da giocatore di squadre provinciali si è elevato fino ai massimi livelli.

STRAGE DI CUORI AL CAMPETTO
Abbiamo parlato di calciatori-mito, che spesso infestano anche i campi di calcetto con le loro storiche e rimpiante magliette. Ma per i frequentatori del sintetico c’è sempre speranza: questa è una pratica guida sulle maglie dei calciatori di questa stagione di Serie A con il quale potete ancora fare un figurone in campo. E poi, siamo sotto Natale…!

A LEZIONE DI TIRO DA RAY ALLEN
La maglia al campetto di basket di Ray Allen invece ha un significato univoco: specialista del tiro da tre punti. Cosa c’è di meglio quindi di prendere lezione direttamente da lui? Su NBA Insider, il blog della Gazzetta dello Sport sul basket americano, ci sono i suggerimenti di Candy Man in persona.

GUARDEREMO LE PARTITE DI SCACCHI?
Gli scacchi vivono un contrasto interno da sempre: è visto da molti come un gioco elitario eppure sono milioni le persone nel mondo che lo praticano. Ci siamo lasciati da poco alle spalle il Mondiale 2016, caratterizzati da un’evoluzione per quanto riguarda l’offerta visiva degli spettatori che punta a far crescere la loro fama.

PEWDIEPIE CANCELLERA’ OGGI IL SUO CANALE YOUTUBE DA 50 MILIONI DI ISCRITTI: PERCHE’?
Chiudiamo con un avvenimento di ieri: PewDiePie, probabilmente il primo youtuber di sempre, ha deciso di chiudere il suo canale che raccoglie 50 milioni di iscritti. Alla fine si è rivelato uno scherzo, con la chiusura di un canale, ma il suo secondo. Ma perchè inscenare tutto questo? Cosa si nasconde dietro il mondo di YouTube?

Sala d’attesa – #8

Sala d'attesaSiete seduti ad aspettare il vostro turno dal dentista e le riviste di gossip non vi esaltano? Dovete attendere che il meccanico ripari la vostra auto e sapete che è inutile sfogliare il giornale alla ricerca di auto usate perchè sai che non la cambierai? La coda in posta si è ridotta ad una partita infinita ai giochini sul cellulare?

Prenditi un break come si deve e leggi uno di questi 15 articoli! Assicurato al 100%, la noia non sarà più un problema.

REFERENDUM SI’ O NO?
Togliamoci subito il dente. Domani si vota (finalmente) per il referendum costituzionale, dove al popolo italiano viene chiesto se vogliono accettare o meno una serie di cambiamenti riguardanti il Senato, i referendum stessi e le competenze Stato-Regione. Se volete farvi un’idea chiara di cosa si andrà a votare, questa infografica vi sarà d’aiuto.

CATALOGO DEGLI EROI
Per trasferirci nel mondo calcistico, usiamo come trait d’union la Grecia, patria della democrazia. Ma a noi interessano i fondatori del calcio greco, fatto di eroi dalle differenti armi. Chi ha tattica sopraffina, chi ha una resistenza rocciosa, chi la mente di un generale. Ciò che li unisce è la terra natia ed il sangue sputato per difenderla sui prati verdi.

FEDERICO BUFFA E LO STATUTO DEL MILAN: FRAMMENTI DI STORIA
Il prossimo 14 dicembre a Milano, presso Aste Bolaffi, verrà messo in vendita lo statuto del Milan. E’ un documento unico, perchè tuttora non è data con precisione la data di fondazione del club rossonero. Ora è possibile avere un pezzo di ciò che diede vita ad uno dei club italiani più vincenti al mondo. E quale modo migliore per pubblicizzarlo se non con un racconto di Federico Buffa?

EREDE DI HOKUTO
Tra eroi e Milan, si inserisce un articolo di Crampi Sportivi che racconta l’ascesa di Alessio Romagnoli come uno dei migliori difensori italiani del futuro. Sotto le guide tecniche di Mihajlovic e Montella, sta mostrando una crescita significativa che lo sta incorniciando come il simbolo delle retroguardie rossonere e italiane per la prossima decade.

NON ASSOMIGLIO A NESSUNO
Altra analisi di crescita di un giocatore che sembra già alla terza fase della sua carriera, nonostante i 23 anni. Gianluca Caprari ha avuto un inizio promettente con la Roma, che poi ha dovuto distruggere e ricostruire in Serie B fino a tornare grande con il Pescara. Ora che è stato acquistato dall’Inter, come si evolverà la sua carriera?

CLASSICI: MILAN -INTER ’09
I due profili dei giovani calciatori ci porta direttamente al Derby della Madonnina. Prima di arrivare a quello di oggi, si torna indietro per rivedere lo 0-4 con cui i nerazzurri di Mourinho in odore di Triplete stesero un Milan sul viale del tramonto. Interessante il racconto da parte di un interista che ancora non aveva visto la partita.

CHI ESCE MEGLIO DAL DERBY?
Ci catapultiamo alla stracittadina di questa stagione, conclusasi con un 2-2 che non accontenta pienamente nessuna delle due squadre. Ultimo Uomo ci regala un’attenta analisi tattica, che spiega i primi accorgimenti fatti da Pioli alla guida dell’Inter e come il Milan di Montella abbia mancato l’occasione di capitalizzare l’alta conversione in rete dei tiri in porta.

PROSPETTIVA GASPERINI
Rimanendo sul tema di questo campionato, passiamo in rassegna la nuova esperienza di Gian Piero Gasperini. In molti credevano che lontano dal Genoa avrebbe continuato a non rendere, invece la sua Atalanta ha raggiunto i piani alti della Serie A ed ha lanciato un gran numero di giovani molto interessanti e già cercati sul mercato.

DIZIONARIO TATTICO: GEGENPRESSING
Cominciamo un excursus sulla tattica con la definizione di gegenpressing. Il termine, di origine tedesca, spiega il pressing portato da una squadra all’inizio dell’azione che può essere orientato sull’uomo, sul portatore di palla o sulle linee di passaggio. Se vi siete persi, è meglio se leggete questo articolo per cominciare.

IL GEGENPRESSING, SPIEGATO IN UN VIDEO
Per assimilare meglio i concetti legati al gegenpressing, è utile vedere i concetti espressi in un video. Questo pubblicato da Rivista Undici (tre minuti e mezzo di inglese non sottotitolato, so che anche i più timorosi di voi possono farcela) sintetizza bene il concetto e, soprattutto, l’applicazione tattica.

L’IMPORTANZA DI UN PRESSING ORGANIZZATO
Dalla teoria alla pratica, vediamo un ottimo esempio di gegenpressing e, più in generale, di un pressing  ben specifico. Il modello è la sfida di Bundesliga tra Bayer Leverkusen e Borussia Dortmund, con due delle squadre che fanno di questa tattica un vero e proprio credo calcistico.

DIZIONARIO TATTICO: GLI HALF-SPACES
Riprendiamo ad analizzare i nuovi termini del calcio giocato in questi anni con gli half-spaces, che sono un pò come la scoperta dell’acqua calda. La zona di mezzo tra il centro del campo e le fasce è sempre esistita, ma è solo negli ultimi anni che è diventata una vera e propria terra di conquista per quelle squadre alla ricerca della via per il gol.

DIZIONARIO TATTICO: LA SALIDA LAVOLPIANA
Con il precedente e con questo articolo, siete a metà strada per capire la tattica mostrata dalle squadre di Guardiola. La teoria completa sarebbe quasi impossibile da apprendere al completo, ma, se prima abbiamo capito come attaccano le squadre del tecnico spagnolo, ora capiremo come costruiscono l’azione dal basso.

ABBICCI’ – LA VERONICA
Dalla tattica alla tecnica: uno dei colpi di classe più riconosciuti sui campi da calcio e certamente più apprezzati. Uno degli interpreti più significativi di questi ultimi anni è certamente Zinedine Zidane, ma prima di lui anche Maradona l’ha utilizzata spesso. Rimane un dubbio: da dove deriva questo nome?

IL PROFESSORE
Chiudiamo questa collezione di articoli con uno su cui lasciare il cuore e, se siete particolarmente sensibili, anche qualche lacrima. Qui si parla di uno dei Signori del Calcio: non tanto di quelli che ne hanno fatto la storia con le loro gesta e le vittorie, ma coloro che hanno lasciato un segno nel gioco con l’amore che avevano per lo stesso. Signore e signori: Franco Scoglio.

Fantasy Kit Design – Logo Mix

Per la seconda volta mettiamo da parte i Fantasy Kit e si torna a parlare di loghi. Quindi niente Kit Design, per questa settimana si parla di

LOGO MIX

Roma West Ham Werder Brema Fantasy Logo MixNeanche la riproposizione di un unico logo, ma di ben tre loghi! Un vero e proprio Logo Mix, che da regolamento doveva essere realizzato con tre di una selezione di loghi tra squadre di Serie A (Inter, Juventus, Roma), Premier League (Liverpool, Tottenham, West Ham), Liga (Barcellona, Real Madrid, Valencia), Ligue 1 (Bordeaux, Marsiglia, Paris Saint Germain) e Bundesliga (Bayern Monaco, Stoccarda, Werder Brema).

Io ho subito puntato all’utilizzo di loghi di diversi campionati, perchè volevo realizzare un mix il più eterogeneo possibile. Prima cosa a cui pensare: la forma. Scelta ricaduta sul logo del Werder Brema, perchè mi piace lavorare con forme geometriche precise, così come ho fatto per la reinterpretazione del logo del Borussia Dortmund.

Una volta in mente la base, si doveva trovare la base di colori ed il tema principale. Sono partito dal secondo, optando per la Lupa della Roma in quanto è una rappresentazione ben definita ed iconica sia di una squadra sia di una città. Per i colori era troppo invitante poter creare un contrasto tra i giallorossi ed i cugini della Lazio e così ho puntato sul West Ham: un pò per il celeste, un pò per Paolo Di Canio.

Voi che ne pensate di questo logo?

Fantasy Kit Design – Borussia Dortmund

Prosegue in Germania il viaggio europeo nei Fantasy Kit. Il Kit Design che presento oggi è del

BORUSSIA DORTMUND

 

Borussia Dortmund Fantasy Kit Home

Ammetto subito che, con ogni probabilità, questo è il peggiore kit che abbia fatto per questo torneo. Tra le opzioni che avevo creato, questa mi sembrava la migliore e la più originale (cose che, se osservate bene, anche a voi risulterà difficile crederci).

La prima intenzione col BVB era quella di riprendere lo stile anni ’90 della Nike: quando il giallo fluo era protagonista ed era accompagnato da una fantasia in nero piuttosto azzardata. Il risultato è sempre stato iconico, non necessariamente bello ma certamente originale.

Il risultato è quello che vedete: una divisa targata Luanvi e sponsorizzata Etihad dove sono sottili (troppo sottili) strisce orizzontali che investono tutta la maglia ed una grafica che occupa le spalle, ma che centra poco col resto. Il vecchio logo della squadra non aiuta a migliorare la situazione

Voi che ne pensate di questa maglia?

Arsenal + Puma = Bocciatura totale

Quattro mesi fa parlavo della sciagurata scelta di Adidas per le maglie dei prossimi Mondiali di calcio.
Cambia marca, cambia competizione, ma la sensazione di disfatta e delusione rimane.
Profonda delusione per il lavoro della Puma con l’Arsenal.

Arsenal 14 15 Puma Home Shirt Henry Sagna Giroud

Le prime immagini della maglia casalinga dell’Arsenal, qui indossata da Henry

 

Italia Italy Jubilo Iwata Home Away 2014 2015 Mondiali Brasile Mundial Brazil

Le nuove maglie di Italia e Jubilo Iwata

All’annuncio dell’accordo avevo sperato che, date le cifre importanti (180 milioni di € in 5 anni), il marchio tedesco avrebbe abbandonato il suo solito modus operandi. Con le sue squadre di maggior profilo prepara, a suo dire, kit esclusivi e inediti alla presentazione, per poi riproporli nemmeno un mese dopo per tutte le altre squadre con un livello minore di sponsorizzazione. Se non ci credete, andate a vedere prima le nuove maglie dell’Italia e poi quelle preparate per i giapponesi del Jubilo Iwata. Notate delle somiglianze? E se vi dicessi che addirittura sono uscite prima quelle del Jubilo?
Speranza ovviamente vana la mia, perchè indiscrezioni e immagini uscite sule future maglie dei Gunners non fanno altro che confermare il classico modo di agire del brand felino.
Facciamo un’analisi di queste divise che, per quanto interessanti e piacevoli possano apparire, capirete presto essere semplicemente la brutta copia di qualcosa di già utilizzato. Come per Italia e Jubilo Iwata.

Arsenal Leaked Home Away Jersey 2014 2015

Le maglie home e away dell’Arsenal per la stagione 2014/15

La maglia home è la classica divisa con corpo rosso e maniche bianche, arricchita da: bordomanica rotondeggiante rosso con striscia bianca, striscia rossa sulle spalle che spezza la continuità con le maniche, sponsor in bianco, riga bianca spezzata sui fianchi e lato bianco che prende posto anche nel fronte della maglia. Senza dubbio una maglia interessante, se non fosse che è esattamente lo stesso modello usato per le divise casalighe di Repubblica Ceca e Slovacchia. Per questa maglia si possono vedere anche i pantaloncini (bianchi con riga sottile bianca) e il calzettoni (a hoops biancorosse).
La maglia away torna a vestire di giallo il busto e di blu le maniche. Questa volta i dettagli sono il bordomanica rotondeggiante giallo con striscia rossa, riga rossa spezzata sui fianchi e sponsor in rosso. E anche qui il modello è esattamente ricalcato da uno già usato, quello per le divise da trasferta di Svizzera, Repubblica Ceca e Slovacchia. Per i pantaloncini si parla di blu con dettagli gialli.
Le indiscrezioni parlano anche di una terza maglia, che dovrebbe essere in due toni di blu con dettagli verde lime. Per una terza divisa sembra interessante, ma rimane comunque la speranza che almeno per questa venga elaborato un lavoro originale.

Arsenal Home Shirt 2014 2015

In vetria e sul catalogo, il nuovo kit home dell’Arsenal

Per quanto mi riguarda, il disappunto è pressochè totale: per il tipo di contratto stipulato con l’Arsenal (così come meriterebbero Italia e Borussia Dortmund), la Puma dovrebbe realizzare modelli unici. E invece i Gunners si ritrovano con due modelli di maglie cosiddetti “da catalogo” e l’aggiunta di qualche particolare qua e là. E il mio dispiacere per l’abbandono della Nike non è minimamente mitigato.
Primo anno tra Arsenal e Puma: bocciatura totale.