Archivi Blog

Vynil Sellout – Aprile 2017

 

Eccoci con il nuovo capitolo del Vynil Sellout, lo spazio di questo blog dedicato interamente alla musica.

Una mini playlist di tre brani non solo da ascoltare, ma anche da approfondire e scoprire cosa nascondono i testi e la storia degli interpreti.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

 

Vynil Sellout Charlie Puth Attention Priestess Maria Antonietta Dargen D'Amico Isabella Turso Izi Rkomi Tedua Il ritorno delle stelle

1- Attention – Charlie Puth
Dobbiamo prestare molta attenzione a questo ragazzo, che da quando è entrato nel mondo della musica pop crea un successo dopo l’altro. Classe ’91, è dal 2009 che si occupa di musica con diverse cover sul suo canale YouTube, fino alla svolta definitiva.
La sua versione di “Someone like you” di Adele, realizzata con Emily Luther, ha attirato le attenzioni di Ellen Degeneres, uno dei personaggi più influenti nello spettacolo. La show woman ha prontamente messo entrambi sotto contratto, e da lì è partita la carriera di Charlie Puth.
Per capire il talento del ragazzo, vi consiglio prima di sentire tutta la canzone (molto particolare nel testo e per questo apprezzata da me) e poi di vedere la sua parte finale.

2- Maria Antonietta – Priestess
Come si può capire dall’italiano usato per il titolo del brano, non stiamo parlando del gruppo hard rock canadese. Alessandra Prete è il volto nuovo del rap italiano, entrataci attraverso il r’n’b e la conoscenza del produttore Ombra.
Da quel momento sono arrivate prima le collaborazioni con MadMan e Gemitaiz e poi i primi brani in singolo sotto l’etichetta Tanta Roba, di proprietà di Guè Pequeno e DJ Harsh. Un misto tra trap e hip hop, sia nel singolo di debutto “Torno Domani” sia in questo pezzo, che hanno portato una boccata d’aria fresca in un genere che di nuovo ed apprezzabile offre veramente poco.

3- Il ritorno delle stelle – Dargen D’Amico, Isabella Turso, Tedua, Rkomi, Izi
Tantissime canzoni avrei voluto aggiungere in questo spazio, e alcune di loro sicuramente ci saranno nell’articolo del prossimo mese. Per questo pezzo ho scelto una canzone particolare di un album ancora più particolare. Se il brano presentato prima rappresenta un nuovo ingresso nel hip hop italiano, nello Stivale è da tempo che abbiamo la fortuna di ascoltare i progetti musicali di Dargen D’Amico.Lui è uno dei rari casi di rapper che si liberano dai limiti del genere e sfondano porte verso corridoi bui verso nuovi stili musicali ed autoriali. Nello specifico, con l’album “Variazioni” Jacopo D’Amico (vero nome del rapper) ha abbandonato le classiche produzioni elettroniche e realizzato la musica assieme alla pianista Isabella Turso. Ma non solo: ha anche preso i testi di alcune sue vecchie canzoni e li ha rivisitati per renderli adatti ad un accompagnamento classico. Non mancano però gli inediti, tra cui questa “Il ritorno delle stelle” dove mostra quanta profondità può acquisire anche il rap di giovani sulla scena da poco come i tre ospitati nella traccia.
(Perdonate il mancato collegamento a YouTube, ma non c’è ancora il video!)

Sala d’attesa – #11

Sala d'attesaSiete seduti ad aspettare il vostro turno dal dentista e le riviste di gossip non vi esaltano? Dovete attendere che il meccanico ripari la vostra auto e sapete che è inutile sfogliare il giornale alla ricerca di auto usate perchè sai che non la cambierai? La coda in posta si è ridotta ad una partita infinita ai giochini sul cellulare?

Prenditi un break come si deve e leggi uno di questi 15 articoli! Assicurato al 100%, la noia non sarà più un problema.

IL FASCINO DISCRETO DELL’IPOCRISIA
Un ottimo approfondimento di Ultimo Uomo sul mondo del NCAA, lo sport collegiale americano, e nello specifico per quello che coinvolge il basket. Giocatori a malapena maggiorenni catapultati in una realtà molto distante da quella universitaria e molti più vicina ai microfoni dei giornalisti.

IL PECCATO ORIGINALE DELLA MLS
Grande affluenza di pubblico, stelle da tutto il mondo ed un campionato strutturato per regalare più emozioni: eppure la Major League Soccer non decolla. Qual è il problema che attanaglia il campionato professionistico a stelle e strisce e come può liberarsene?

QUANDO SCOPRIMMO CHE RENZI ERA IL PRESIDENTE DELLA NOSTRA SQUADRA DI PAESE
Purtroppo devo ripiegare su un link de Il Fatto Quotidiano, ma a termine dell’articolo c’è il link ad il pezzo principale, ora non disponibile. Delizioso racconto fantastico, che vede una discreta squadra di calcio amatoriale finire nelle mani dell’ex Presidente del Consiglio.

COS’E’ FINGABOL?
Una delle tante applicazioni del calcio alla quiete delle mura domestiche, il Fingabol si propone come nuovo intrattenitore degli appassionati. Un discendente del Subbuteo, che attinge da air hockey e biliardo per dare vita ad un gioco dove le geometrie di gioco hanno un senso molto più letterale del campo in erba.

DIZIONARIO TATTICO: LO SWEEPER KEEPER
Un modo interessante per scoprire la grandezza di Manuel Neuer, probabilmente il miglior portiere al mondo per i prossimi 10 anni. Per praticare questo ruolo non bisogna essere solo bravo tra i pali, ma anche lontano dall’area di rigore nel girare il pallone ai compagni.

LA RIVOLUZIONE TATTICA DELLA SERIE A
Bellissimo long form che permette di approfondire l’evoluzione calcistica del campionato italiano negli ultimi 10 anni. In molti potrebbero dire che in realtà la crescita, se confrontata agli altri campionati maggiori, è pari a zero: vi sorprenderà scoprire come in realtà anche la Serie A ha avuto grosse innovazioni.

ANIMALE STRANO
Ad una prima impressione, Sergej Milinkovic-Savic si direbbe un centrocampista fatto e finito per la mediana e l’interruzione delle trame avversarie. Invece, osservandolo da vicino, le caratteristiche che lo stanno rendendo sempre più titolare nella Lazio sono ben altre.

STARTED FROM THE BOTTOM
Così come intona Drake, molte storie di calciatori parlano di ragazzi ai margini della società che con un pallone tra i piedi sono riusciti a lasciarsi tutto alle spalle e ad emergere. Ultimo Uomo ha raccolto le migliori nove, ma come potete ben immaginare è difficile superare il passato che ha avuto Carlos Tevez.

PERCHE’ DALE CAVESE VIENE CANTATO OVUNQUE
La storia di un coro che ha attraversato gli oceani e risuona negli stadi di tutto il mondo. Come ha fatto un canto da Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno, ad invadere Francia, Giappone ed altri campionati? Tutto in realtà nasce da Buenos Aires…

DUGOUT: IL SOCIAL NETWORK DEL CALCIO
Come da titolo, anche un intero movimento sportivo ha trovato la sua piattaforma digitale. Su Dugout le squadre ed i giocatori di tutto il mondo possono postare video ed immagini esclusive e mostrare anche le proprie qualità. L’intento è di coinvolgere chiunque pratichi lo sport più conosciuto al mondo, ma non è un caso che i club più famosi l’abbiano già invaso.

5 STORIE ASSURDE EMERSE DA FOOTBALL LEAKS
Un tipico scandalo moderno, che agita le dita dei polemici da tastiera, mette dietro le sbarre qualche profilo medio-basso del giro losco e sostanzialmente non risolve nulla. Ma lo scandalo del calcio ha riservato anche storie incredibili come le amichevoli di beneficenza di Messi ed il vero prezzo di Gareth Bale.

10 BIGGEST MYSTERIES ON FOOTBALL
Un video che sconvolgerà le menti degli appassionati di calcio. Misteri, storie al limite della credibilità ma che voci ben informate potrebbero dire essere assolutamente vere. La vera età di Taribo West, Cristiano Ronaldo diventa spagnolo e finti avvocati che trattano per conto del Manchester United solo per iniziare. Nota a margine: è in inglese.

UN REGISTA SI E’ FATTO RUBARE APPOSTA LO SMARTPHONE E HA GIRATO UN FILM ALL’INSAPUTA DEL LADRO
A metà tra l’esperimento sociale e la volontà di superare i limiti dell’arte, in Olanda un giovane regista ha provato a farsi rubare il cellulare per ribaltare i ruoli del furto elettronico ed entrare lui nei panni di chi ha preso il suo telefono e non viceversa. Ma in fondo non è anche il suo un gesto di invasione della privacy?

THIS MIXTAPE PERFECTLY BLENDS CHANCE THE RAPPER VOCALS OVER KANYE WEST BEATS
“Chance The Dropout” è un lavoro realizzato da DJ Critical Hype e DJ Clyde, dove hanno combinato le tracce vocali di Chance The Rapper con le produzioni di Kanye West. Perchè? Entrambi sono di Chicago, il primo ha sempre dichiarato di ammirare il secondo e soprattutto perchè spacca.

LO STATUS DI MARRACASH
Per numero di produzioni, presenza sulla scena e qualità delle canzoni, ritengo Marracash il miglior rapper italiano.Questa intervista per SIAE fa il punto dopo l’uscita di due pietre miliari del rap come “Status”, ultimo album solista, e “Santeria”, disco in coppia con Gue Pequeno.

Vynil Sellout – Novembre 2016

Il Vynil Sellout torna anche questo mese, pronto a proporvi un pò di buona e sana musica.

Una selezione di tre canzoni da ascoltare, scoprire e approfondire per gustarsi ancora di più il loro ascolto.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Childish Gambino Redbone Marracash Guè Pequeno Ninja Alex Clare Up All Night

 

1- Redbone – Childish Gambino
Ci siamo, tra poco la nuova fatica musicale di Donald Glover, vero nome di Childish Gambino, vedrà la luce. Con un passato da rapper ed un flirt da cantate r’n’b, ora l’attore visto in Community volta pagina e sembra esserti trasportato nelle atmosfere intense e avvolgenti della musica anni ’60 con il supporto della strumentazione elettronica.
Al suo fianco il fido Ludwig Göransson, produttore di quasi tutte le sue canzoni e che a sentire le tracce in anteprima (questa e “Me and Your Mama“) dimostra di avere una sinergia con Glover quasi unica. Il poliedrico 33enne californiano continua così a rimanere sulla cresta dell’onda, con l’annuncio del ruolo di Lando Calrissian nel film spin off di Star Wars dedicato a Han Solo e l’album “Awaken, My Love!” in uscita il 2 dicembre.

2- Ninja – Marracash e Guè Pequeno
La stessa data vedrà pubblicato anche “Santeria – Tesori Nascosti“, la versione Deluxe dell’album pubblicato dai due rapper  questa estate e che ha avuto molto successo. Questa nuova edizione vedrà tre brani con nuovi featuring e tre canzoni inedite, tra cui questa.
Niente di particolare nei contenuti: anche questa canzone vede i due evidenziare la loro vita al limite e legare le metafore al mondo dei guerrieri giapponesi che lottano nell’ombra. Tra i due preferisco Marracash, molto più aderente all’argomento, mentre Guè Pequeno, come spesso fa, preferisce rimanere legato ai suoi temi (ma spacca lo stesso).

3- Up All Night – Alex Clare
Una sferzata di energia con questo pezzo rock del lontano 2010, il primo singolo di debutto del cantante britannico. Alex Clare ha iniziato proprio sei anni fa a presentarsi al grande pubblico avendo un buon successo nei paesi anglofoni e nel centro Europa.
La scoperta di questa canzone è dovuta ad una serie televisiva, che la usa come colonna sonora. Si tratta di Class, serie spin off di Doctor Who incentrata su un gruppo di adolescenti che frequentano la Coal Hill School e che vengono a contatto con il Dottore ed il suo mondo fatto di alieni e rischi mortali ogni giorno.

Vynil Sellout – Giugno 2016

Ultima domenica del mese: tempo di Vynil Sellout!

Tre brani tutti da sentire e tutti da scoprire, andando a vedere cosa nascondono le canzoni e i loro autori.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Nulla Accade Marracash Guè Pequeno Panda Desiigner Flume Like Water MNDR

 

1- Nulla Accade – Marracash & Guè Pequeno
I due rapper milanesi da tempo si sono chiusi in studio di registrazione per far uscire un loro album. Il King del Rap ed il membro dei Club Dogo, dopo tanti brani assieme in cui era marcata la presenza di feeling musicale, finalmente hanno fatto società e dato la vita a “Santeria“.
Quindici brani dove Guè e Marra mischiano le classiche tematiche da playboy famelici a rime più mature ma sempre dalla forte carica esplosiva. In “Nulla Accade” i due si presentano raccontando nelle loro strofe come siano arrivati fino a questo punto.

2- Panda – Desiigner
Fa effetto parlare di favola quando ci si riferisce al mondo del rap, soprattutto quello americano che vive ancora oggi con regole sue (molto meno in ogni caso rispetto agli anni ’90). Di fatto è questa quella che sta vivendo Sidney Royel Selby III, che dal nulla a 18 anni si è trovato tra le mani una hit mondiale.
La musica è sempre stata nel suo sangue: musica abbracciata nei cori di scuola e chiesa, sangue che ha perso quando gli hanno sparato a 14 anni. Da qui il ragazzo di Brooklyn ha deciso di lasciare le superiori e di dedicarsi al rap, facendo uscire “Panda” come singolo di debutto del suo album. Conseguenze? Un contratto con la GOOD Music di Kanye West (che potete vedere nel video qui sotto) e una carriera pronta a prendere il volo.
Leggenda narra che la base del brano sia stata scovata su YouTube ed acquistata per 200$. Un investimento ora più che centuplicato.

3- Like Water – Flume ft. MNDR
Classe ’91, australiano e più di cinque anni nel mondo della musica in qualità di produttore: questi i dati di Flume, al secolo Harley Edward Streten. “Skin” è il suo secondo album e contiene “Like Water“, traccia che racchiude lo stile psichedelico ma raffinato del producer aussie.
Più che con i propri brani, Flume si è fatto un nome grazie ad alcuni remix tra cui spiccano Lorde, Sam Smith e Disclosure. Ora però i tempi sono maturi per provare ad affermarsi definitivamente con i propri brani.

Vynil Sellout – Agosto 2015

Anche con gli ultimi bagni al mare, le ultime abbronzature e le ultime notti brave, il Vynil Sellout è qui per voi!

Come ogni ultima domenica del mese è pronto a suggerirvi tre delle canzoni che negli ultimi 30 giorni hanno lasciato il segno, stupito, sorpreso, o che semplicemente hanno qualcosa da raccontare.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vinili, scritte con linee di troppo... Tutto molto hipster!

Vinili, svendite, scritte con linee di troppo… Tutto molto hipster!

1- Powerful – Major Lazer ft. Ellie Goulding & Tarrus Riley
Nonostante un titolo ed un video dove la distruzione sembra esserne padrona, la canzone ha un ritmo molto cadenzato e poco frenetico. Le voci di Ellie Goulding e di Tarrus Riley sembrano cozzare al primo ascolto, per poi rivelarsi invece in perfetta sintonia.
La prima impressione che ho avuto di questo pezzo è stata delusione per l’occasione sprecata di usare una voce come quella della cantante britannica. Al secondo ascolto invece, a distanza di qualche giorno, ho notato che la canzone mi si era incollata al cervello senza staccarsene e costringendomi a canticchiarla in ogni situazione. Un plauso quindi ai Major Lazer che finiscono per la seconda volta dopo il post di Aprile in questa rubrica.

2- How Deep Is Your Love – Calvin Harris & Disciples
Dell’ascesa di Calvin Harris ne abbiamo già parlato, soprattutto di come riesca inevitabilmente a pubblicare canzoni house che conquistano e si fanno apprezzare da tutti. Per questa estate 2015 ha prodotto insieme al trio dei Disciples questa canzone, con la voce della norvegese Ina Wroldsen.
La traccia è nata nel tardo 2014, quando i Disciples con la cantante registrano il demo e due dei tre membri del collettivo di producers, sotto l’etichetta di Calvin Harris, decidono di inviargliela per avere opinioni e suggerimenti. Harris si innamora così della traccia e decide di collaborare in prima persona, mettendo la firma su questa canzone deep house ed aprendosi ad una nuova sfumatura della musica elettronica.

3- Come Guarda Una Donna – Don Joe ft. Giuliano Palma
Dopo che Gue Pequeno e Jake La Furia hanno fatto altrettanto, anche Don Joe, producer e beat maker dei Club Dogo, si è dato alla carriera da solista. La compagine rap milanese non si è sciolta, ma i suoi membri si sono presi una pausa per lavorare da soli su vari progetti musicali.
In questo caso Don Joe ha pubblicato quasi quatto mesi fa il suo secondo album dal titolo “Ora o mai più“, dove collabora sia con vari rapper sia con cantanti della scena pop italiana. Per “Come Guarda Una Donna” ha scelto la voce di Giuliano Palma, ormai consacratosi come voce solista dopo i successi con i Casino Royale ed i Bluebeaters, che rende il brano molto simile ai pezzi r’n’b americani, fusi tra melodia e ritmo, e per questo molto apprezzabili.

Questa Musica fatta col Mouse

E’ uscito martedì (29 maggio), e vi giuro che è da martedì che non ascolto altro! Purtroppo solo via YouTube, la copia fisica sarà il mio prossimo acquisto. Di cosa parlo? Di Mouse Music, l’ultimo album dei Two Fingerz.

Nel disco ci sono 13 tracce, a mio modo di vedere una più strepitosa dell’altra. Come si può intuire dal titolo, l’album ha molte tracce dalle chiare sonorità dance, tanto che è stato etichettato come di genere hip-house. Featuring pochi ma importanti: Caparezza e il duo J-Ax Max Pezzali hanno collaborato con Danti e Roofio. Il pacchetto include anche un secondo cd, dove ci sono 6 tracce e una bonus track: tutte le 6 tracce seguono lo stile del primo disco e contengono featuring del calibro di Emis Killa, Guè Pequeno, Sud Sound System, Shablo & Don Joe  e (il solito) Dargen D’Amico.
Ma non solo  l’album merita elogi, anche tutto il lavoro precedente in preparazione all’uscita del disco.

I Two Fingerz hanno fatto venire l’acquolina alla bocca sin da marzo, quando hanno rilasciato sul sito di Danti un mixtape con tutti i featuring suoi, remixati da Roofio su basi prettamente dance e house. Il lavoro, Danti Punk, è tuttora disponibile in free download sul sito del rapper a questo link. Invece, per tutto aprile, ogni lunedì il duo milanese ha caricato su YouTube un video con una canzone inedita, poi incisa anche sul secondo cd di Mouse Music.

Insomma, un lavoro davvero massiccio al quale, data l’alta qualità, mi sento di contribuire anche con l’acquisto del disco, oltre che con questo blog post.
Per darvi un’assaggino del prodotto, potete sentire qui sotto  il featuring con Dargen D’Amico, Pac Man. Enjoy it and TWO FINGERZ UP!

Rap Osiride

E’ meno di una settimana che è uscito “King del Rap“, ultima fatica musicale di Marracash. Tutte e 15 le tracce ascoltate via YouTube, alla faccia della (giustissima) filippica lanciata da Marra sulla sua pagina Facebook!

Devo dire che è veramente un ottimo lavoro: si vede che c’è stato molto impegno sopra, dalle basi, le rime, le collaborazioni. Attila, Emis Killa, Co’ Sang, Guè Pequeno, Fabri Fibra, Jake La Furia, Entics, Salmo e J-Ax hanno fatto tutti la loro porca figura. Unica piccola nota che faccio all’album è la mancanza di un gran bel ritornello. Sono tutti buoni quelli presenti e essendo rap il fondo valgono come il 2 di picche, ma a differenza dei dischi precedenti manca quel motivetto che ti rimane in testa e ti fa ricordare l’album. Per intenderci, dei due album precedenti, a chi ogni tanto non passano per la testa i ritornelli di “Badabum Cha Cha” o di “Stupido“?

Per farvi un’idea del disco, ascoltate qui sotto la seconda traccia dell’album, “Didinò“.