Archivi Blog

Vynil Sellout – Maggio 2017

Un nuovo mese volge alla conclusione e come sempre il Vynil Sellout fa capolino su questo blog.

Per chi ha voglia di musica nuova o di scoprire qualcos’altro su alcune delle canzoni del momento, questo terzetto è ciò che fa per loro.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Ariana Grande Cashmere Cat Quit Il campione a perdere tempo Danti Paramore Told You So

1- Quit – Cashmere Cat ft. Ariana Grande Tra i nuovi produttori musicali si sta facendo spazio Cashmere Cat, dj norvegese che risponde al nome di Magnus August Høiberg. Il brano è estratto dal suo primo album registrato in studio e vede la collaborazione di Ariana Grande. Non è la prima collaborazione tra il produttore e la cantante, che già hanno pubblicato due canzoni con i loro nomi (“Adore” e “Be My Baby”). La particolarità di questo brano è quella di unire la voce unica di Ariana Grande, melodiosa e potente come poche, con i ritmi chill house che conquistano le radio. Lavoro eccellente.

2- Il campione (a perdere tempo) – Danti Un titolo che per me è come un mantra, ma senza questo non potreste avere questi preziosi consigli..! Danti torna sulle scene con una serie di singoli, tra cui spicca questo. Base prodotta da Luca D’Angelo & Domix, è una canzone rap che oltre a farti pensare alle parole è anche ballabile. Molto divertente il contatore in alto a sinistra nel video: per scoprire a cosa si riferisce, non vi resta che guardarlo tutto fino alla fine!

3- Told You So – Paramore I Paramore sono tornati! Il gruppo di Hayley Williams ha dovuto subire un’altra perdita, quella del bassista Jeremy Davis. Durante le lavorazioni dell’ultimo album “After Laughter” però è tornato il batterista Zac Farro, che lasciò il gruppo nel 2010 per farvi ritorno adesso. Se la formazione della band non conosce pace, la loro musica è in continua evoluzione. La loro struttura di base rimane rock, ma hanno accettato al suo interno influenze pop con la annessa strumentazione elettronica. Il risultato è un disco al passo coi tempi e unico allo stesso tempo. Quello che potete sentire qui è il secondo singolo che ha anticipato l’album, esempio di quanto scritto sopra.

Annunci

Top 5 – I migliori dischi del 2013

E siamo alla fine anche di questo anno. Il 2013 è stato pieno di sorprese (come ogni anno del resto, sfido a passare un anno dove non succede nulla!) e dal punto di vista musicale ha regalato moltissimi prodotti di qualità.
C’è modo migliore, se non una bella Top 5, per presentare i migliori dischi di quest’anno? Ovviamente no!
O magari c’è. Ma quando lo presentavano stavo andando a comprare la carta igenica.
Ci stavo coprendo la casa del presentatore.

E’ cosa buona e giusta ripeterlo ogni volta: questa Top 5 è la mia personale! Se avete opinioni diverse potete esprimerle con un commento, ma evitando epiteti gratuiti ed inutili. Anzi vi invito a suggerirmi pubblicazioni di quest’anno che non sono presenti in classifica per sentirle e, perchè no, scriverne qui.
Ma vi dico subito: i Vaiacagar non li ascolto.
Non mi piace la musica folk.

Copertina Clementino Mea Culpa 2013

5°: Clementino – Mea Culpa
Questo album, a mio modo di vedere, è il migliore tra quelli rap nel nostro paese. Sono usciti altri dischi interessanti (Dargen D’Amico, Fabri Fibra, Gemitaiz, Salmo), ma quello della Iena è senza dubbio il migliore. Unisce brani tipicamente hip hop a pezzi con basi morbide, come la hit O’ vient. Stessa hit che lo lancia come nuovo rappresentate della musica partenopea, con quel misto tra italiano e napoletano che lo rende un piezz ‘e core di tutti.
TRACCIA CONSIGLIATA: Fratello (ft. Jovanotti) —> Ascolta QUI

Ellie Goulding Halcyon Days Deluxe Version 20134°: Ellie Goulding – Halcyon Days
In teoria non vale, perchè è un repackaging dell’album del 2012, Halcyon, con qualche canzone in più. Però sono costretto a concedere un permesso straordinario: quelle canzoni in più sono straordinarie!
Devono, perchè meritano, stare dentro questa Top 5. La voce e lo stile della cantante inglese rimangono unici, lei è la sola che può realizzare i brani che fa.
TRACCIA CONSIGLIATA: Tessellate —> Ascolta QUI

Jay Z Magna Carta cover3°: Jay-Z – Magna Carta
Il Signor Beyoncé ha sfornato quello che in gergo viene chiamato “un album della madonna”.
Dentro c’è tutto quello che l’hip hop Made in USA ha da offrire: basi spettacolari, testi e flow da pelle d’oca. Senza parlare delle collaborazioni: Justin Timberlake, Frank Ocean, Rick Ross e non poteva mancare Beyoncé.
Shawn Corey Carter: hai fatto centro.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II (On The Run) (ft. Beyoncé) —> Ascolta QUI

Paramore Paramore 2013 cover cd2°: Paramore – Paramore
Il ritorno che io e milioni di altri fan aspettavamo. Nonostante la partenza di due elementi della band, il gruppo si è rialzato e ha pubblicato un disco che gli dona un’identità indissolubile. Il loro rock si ramifica e abbraccia tutto il mondo musicale. Questa musica E’ i Paramore, e il loro nome usato anche per quello del disco ne è la prova.
E poi c’è la voce di Hayley Williams.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II —> Ascolta QUI

Daft Punk Random Access Memories cd cover1°: Daft Punk – Random Access Memory
Mi spiace, ma non potete dire niente. Se avete sentito solo due canzoni non potete capire l’immensità di questo lavoro discografico. Un album sensazionale, fatto da due mostri della musica, più che elettronica.
Per convincervi, leggete le parole di Giorgio Moroder, apripista negli anni ’70 nell’uso delle nuove tecnologie nella musica e collaboratore in uno dei brani: “Quando sono andato allo studio di registrazione, era tutto pronto e vidi tre microfoni. Mi dissi ‘hanno paura che un microfono non funzioni‘, così chiesi al tecnico: ‘Perchè state usando tre microfoni?‘. Lui disse: ‘Quello sulla sinistra è per i vecchi suoni anni ’60, uno per gli anni ’70 e questo per quelli dei giorni nostri‘. ‘Chi sentirebbe la differenza?‘ e lui disse: ‘Nessuno‘. Così dissi: ‘Perchè Thomas (Bangalter, uno dei due Daft Punk) lo sta facendo?‘. ‘Oh,‘ disse ‘lui sentirebbe la differenza!“.
TRACCIA CONSIGLIATA: Instant Crush (ft. Julian Casablancas) —> Ascolta QUI

 

Come detto in precedenza, attendo i vostri commenti per sapere che ne pensate e quali album si trovano nella vostra personale classifica.
Auguro a tutti un felice anno nuovo, e che ci porti tanta tanta tanta bella musica come nel 2013!

Self Titled Album

L’album omonimo è senza dubbio una dichiarazione. Sento che non è solo una reintroduzione della band al mondo, ma anche a noi stessi. È definitivamente quello che siamo. È così “Paramore”. Non penso che ci sarebbe potuto essere nessun altro titolo su cui avremmo potuto lavorare.

Queste le parole a Radio.com di Hayley Williams, leader fondatrice dei Paramore (di cui ho già parlato qui) a proposito del loro ultimo album, il primo dopo che gli altri due fondatori (Zac e Josh Farro) hanno lasciato la band.

Il loro ultimo album è spettacolare.

Paramore Hayley Williams Conan O'Brien

E’ uscito il 9 aprile (scusate il ritardo!) ed è un vero e proprio passo avanti nello stile musicale. I Paramore hanno abbandonato il pop punk per abbracciare uno stile che accoglie svariate infulenze, ma allo stesso tempo lo rende unico e riconoscibile alla prima nota. Il loro produttore Justin Meldal-Johnsen ha lasciato lavorare il gruppo con la massima libertà, permettendogli di scavare in ogni direzione e attingere ispirazione da infiniti mondi musicali.
Oltretutto si riesce facilmente a capire come Hayley Williams, Jeremy Davis e Taylor York abbiano messo tutta la loro energia, passione e amore per la musica in ogni nota. Questo ha reso Paramore un album unico, decisamente uno dei migliori del 2013.
Di questo disco sono già stati rilasciati due singoli, Now e Still Into You.

Per avere un assaggio di quello che ho scritto, potete ascoltare una delle tracce del disco qui sotto. Non c’è una canzone che riesca a definire interamente lo stile dell’album, ma quella che ci si avvicina di più è Part II, che potete sentire in basso. Buon ascolto!

Monsters

Mostruosi: questo mi viene in mente quando penso ai Paramore. Soprattutto quando sento la voce di Hayley Williams, fa letteralmente accapponare la pelle!

Questi ragazzi hanno cominciato nei garage di Franklin, Tennessee (a cui hanno pure dedicato una canzone) e dal 2005 sono approdati sulla scena musicale. Molti cambi di formazione, causa defezione di alcuni componenti, compresa quella recente, la più eccellente: i fratelli Farro (Josh, chitarra, e Zac, batteria), fondatori della band, hanno abbandonato causa mancanza di stimoli. Nonostante questo duro colpo, i 3 rimanenti componenti hanno deciso di continuare a fare musica, e l’ultimo pezzo uscito è la certezza che continueranno a farlo agli alti livelli raggiunti in questi anni.

Da sempre incasellati nel genere “rock alternativo“, con l’ultimo cambiamento di formazione i Paramore hanno deciso di modificare leggermente il loro stile. Da profanatore della musica tutta, posso sintetizzare dicendo che sono diventati “più duri”. Se volete un esempio per capire di che parlo, non dovete far altro che vedervi il video qui sotto!
Si tratta di “Monster“, brano scritto per la colonna sonora del film Transformers: Dark of the Moon e che ha già spopolato nelle classifiche.

E per scoprire com’erano prima, basta una piccola ricerca su YouTube per godersi dell’ottima musica.
Buon ascolto!