Archivi Blog

Vynil Sellout – Maggio 2017

Un nuovo mese volge alla conclusione e come sempre il Vynil Sellout fa capolino su questo blog.

Per chi ha voglia di musica nuova o di scoprire qualcos’altro su alcune delle canzoni del momento, questo terzetto è ciò che fa per loro.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Ariana Grande Cashmere Cat Quit Il campione a perdere tempo Danti Paramore Told You So

1- Quit – Cashmere Cat ft. Ariana Grande Tra i nuovi produttori musicali si sta facendo spazio Cashmere Cat, dj norvegese che risponde al nome di Magnus August Høiberg. Il brano è estratto dal suo primo album registrato in studio e vede la collaborazione di Ariana Grande. Non è la prima collaborazione tra il produttore e la cantante, che già hanno pubblicato due canzoni con i loro nomi (“Adore” e “Be My Baby”). La particolarità di questo brano è quella di unire la voce unica di Ariana Grande, melodiosa e potente come poche, con i ritmi chill house che conquistano le radio. Lavoro eccellente.

2- Il campione (a perdere tempo) – Danti Un titolo che per me è come un mantra, ma senza questo non potreste avere questi preziosi consigli..! Danti torna sulle scene con una serie di singoli, tra cui spicca questo. Base prodotta da Luca D’Angelo & Domix, è una canzone rap che oltre a farti pensare alle parole è anche ballabile. Molto divertente il contatore in alto a sinistra nel video: per scoprire a cosa si riferisce, non vi resta che guardarlo tutto fino alla fine!

3- Told You So – Paramore I Paramore sono tornati! Il gruppo di Hayley Williams ha dovuto subire un’altra perdita, quella del bassista Jeremy Davis. Durante le lavorazioni dell’ultimo album “After Laughter” però è tornato il batterista Zac Farro, che lasciò il gruppo nel 2010 per farvi ritorno adesso. Se la formazione della band non conosce pace, la loro musica è in continua evoluzione. La loro struttura di base rimane rock, ma hanno accettato al suo interno influenze pop con la annessa strumentazione elettronica. Il risultato è un disco al passo coi tempi e unico allo stesso tempo. Quello che potete sentire qui è il secondo singolo che ha anticipato l’album, esempio di quanto scritto sopra.

Annunci

Sala d’attesa – #4

Sala d'attesa

Siete seduti ad aspettare il vostro turno dal dentista e le riviste di gossip non vi esaltano? Dovete attendere che il meccanico ripari la vostra auto e sapete che è inutile sfogliare il giornale alla ricerca di auto usate perchè sai che non la cambierai? La coda in posta si è ridotta ad una partita infinita ai giochini sul cellulare?

Prenditi un break come si deve e leggi uno di questi 15 articoli! Assicurato al 100%, la noia non sarà più un problema.

SALTO IN LUNGO
Stiamo già nel vivo della stagione calcistica, ma è bene fare un passo indietro e dare un’occhiata ad alcuni talenti insieme a Rivista Undici. In questo articolo conosciamo i giovani più promettenti che hanno cambiato maglia nell’ultima sessione di mercato: Merino, Burke e Sobhi sono solo alcuni dei nomi che nei prossimi anni potrebbero conquistare la scena calcistica mondiale.

CAPIRE OCAMPOS
Il titolo anticipa il contenuto del pezzo di Crampi Sportivi. Tramite la carriera del giovane argentino cerchiamo di capire l’impatto che potrà avere sulla Serie A con la maglia del Genoa. Per ora Lucas Ocampos ha collezionato 6 presenze tra campionato e coppa, senza al momento scrivere il suo nome sul tabellino dei marcatori.

SIVIGLIA MISTICA
Una squadra capace di vincere tre Europa League consecutive e che ha iniziato la stagione con un profondo cambiamento. Con il passaggio di Unai Emery al PSG, gli andalusi hanno scelto Jorge Sampaoli: un allenatore alla sua prima esperienza europea e con un curriculum importante non può iniziare che da una piazza magica come quella del Siviglia.

LIBERATE I DRAGONI
Eliminano la Roma ai Preliminari di Champions League e al girone raccolgono un solo punto tra Copenhagen e Leicester: è questa la parabola che ha caratterizzato l’inizio della stagione europea del Porto. Con questo articolo Ultimo Uomo cerca di analizzare cosa è cambiato nella squadra in estate e quali potranno essere le chiavi di lettura dei Dragoni.

ABBICCI’ – IL DOPPIO PASSO
Rivista Undici inizia una rubrica dedicata alla nascita ed alla storia dei gesti tecnici che vediamo sui campi da calcio. Nel primo articolo si parla del doppio passo, che la generazione degli anni ’90 associa immediatamente al Fenomeno Ronaldo, con il quale faceva girare la testa ai difensori di tutto il mondo. Ma chi lo ha inventato e dove?

ABBICCI’ – LA RABONA
Da una finta per saltare l’uomo ad una conclusione improvvisa a piede invertito: Abbiccì ci porta alla scoperta della rabona. Gesto tecnico nato in Argentina alla fine degli anni ’40 e riscoperto in Italia negli anni ’70, ebbe in Claudio Borghi il suo massimo esponente. Un argentino che, come prima esperienza all’estero, vestì la maglia del Como.

VIAGGIO AL CENTRO DI DI MARIA
Uno che la rabona l’ha utilizzata spesso in partita è Angel Di Maria, fenomeno argentino tra i migliori calciatori in attività. Questo articolo serve a ripercorrere non solo la sua carriera, ma i suoi adattamenti tattici nel vestire le maglie di Benfica, Real Madrid, Manchester United e Paris Saint Germain.

LA CITTA’ DEL CALCIO
E’ Rosario, la stessa città da cui viene anche Di Maria. Questa è, in Argentina, la vera patria del futbol: decine e decine di calciatori sono usciti dai suoi campi di calcio, dove scorre viva e possente la rivalità cittadina tra Newell’s Old Boys e Rosario Central. Un santuario per chi ha dedicato la sua vita al calcio.

QUANDO IN CAMPO ANDAVANO LORO, TUTTI TRANNE UNO…
Simpatica ricerca fotografica di Gazzanet, portale online della Gazzetta dello Sport. Tutti gli allenatori della Serie A (compreso l’ultimo arrivato De Boer) nella loro precedente vita di calciatori, tutti con il volto più disteso e molti, ma molti capelli in più! L’eccezione è “il banchiere”, che ora sta conquistando Italia ed Europa…

I 10 DRIBBLING PIU’ BELLI DI RONALDO, “IL FENOMENO”
E’ stato un periodo pieno di compleanni, a cominciare dai 40 anni di Luis Nazario de Lima, conosciuto da tutti semplicemente come Ronaldo. Goalscout.com gli dedica una raccolta dei suoi 10 dribbling più belli, tra cui molti già citati doppi passi, vero e proprio suo marchio di fabbrica.

XL – QUARANT’ANNI DI FRANCESCO TOTTI
Ma anche il Capitano della Roma raggiunge gli -anta, in una forma più che impeccabile. Totti regala ancora magie ad altissimi livelli a un’età nella quale molti dei suoi ex colleghi hanno già trovato un’altra occupazione. Crampi Sportivi gli regala sette ricordi, tra chi in diverse epoche calcistiche ha calcato il campo con lui e chi lo ha sempre visto da fuori.

BAR SPORT DI STEFANO BENNI COMPIE 40 ANNI: I SUOI PERSONAGGI ESISTONO ANCORA?
E rimanendo in aria di festeggiamenti, anche un libro come “Bar Sport” compie i suoi quaranta anni. Stefano Benni al tempo realizzò un ritratto divertente e veritiero delle creature che popolavano i bar, che ormai hanno ceduto il passo all’evoluzione, trasformandosi in altro o estinguendosi. Ora, secondo Daily Best, chi sono i personaggi da Bar Sport?

IL BLOCCO: 1990-2016
Four Domino spiega come la storia, anche quella del rap, sia circolare e torni sempre sui suoi passi. Sembra questo il momento del rap italiano, partito da Joe Cassano e in transito da Sfera Ebbasta, dove attraverso le parole di diversi protagonisti della scena nostrana si percepisce come la trap stia vivendo lo stesso ostracismo che il genere ricevette ai suoi esordi, generi che hanno molti più similitudini di quanto sembri.

LA PAURA PIU’ GRANDE
Zerocalcare regala sul suo blog un altro fumetto da leggere assolutamente. Con il suo stile semplice ed ironico dipinge una fase della vita che chiunque ha affrontato, sta affrontando o dovrà affrontare: la presa di coscienza di sè. Portatevi via 5 minuti del vostro tempo per leggerlo e farlo vostro.

CHECCO ZALONE, LO SPOT MENO POLITICALLY CORRECT E TUTTO DA RIDERE PER AIUTARE LA RICERCA SULLA SMA
Un motivo in più per adorare Checco Zalone. E’ probabilmente il comico più popolare di questi tempi, per il suo modo di essere giustamente scorretto ma soprattutto per la lettura irriverente dei vizi degli italiani. In questo spot ci regala una perla con lo scopo di donare soldi per la ricerca sulla atrofia muscolare spinale, di cui è affetto il suo co-protagonista Mirko.

Vynil Sellout – Settembre 2016

Il Vynil Sellout continua a proporvi la musica più interessante in circolazione!

Tre brani, selezionati appositamente, da aggiungere alle proprie playlist dopo averne scoperto tutti i segreti.

Curiosi di scoprire la tripletta di questo mese? Andiamo a scoprirla!

Vynil Sellout Caparezza Alborosie Volume Unico DNCE Toothbrush Calcutta Ketra Takagi Oroscopo

 

1- Volume Unico – Alborosie ft. Caparezza
Dopo la collaborazione del cantante italiano celebre in Jamaica ed il rapper pugliese dentro a “Il Sogno Eretico” con “Legalize The Premier“, le parti si sono invertite. E’ Caparezza ad entrare nel disco di Alborosie, chiamato “The Rockers” ed uscito il 26 agosto di quest’anno. Questo album, composto da due dischi, vede Puppa Albo nel ruolo di produttore: basi diverse ma accomunate dallo stile reggae, nella prima parte con il meglio del pop italiano e nella seconda con la crema del reggae nazionale.
Questa canzone con Caparezza è un tipico brano rap, dove il rapper racconta la vita come se fosse un libro, facendo continui riferimenti alla cultura letterale passata e presente.
CLICCA QUI per ascoltare su Spotify

2- Toothbrush – DNCE
Il primo singolo “Cake By The Ocean” non mi ha pienamente convinto, mentre questo brano si fa ascoltare più volentieri. Rimane impresso in mente ma non ha quell’aura da tormentone persistente e soprattutto si basa su un ritmo scanzonato e allegro in tema con la canzone.
Per chi si fosse chiesto dove ha già sentito la voce del cantante, potrebbe interessarvi sapere che si tratta di Joe Jonas, ex leader dei Jonas Brothers. Dopo diversi anni dallo scioglimento del gruppo con i due fratelli, ora ha raccolto attorno a sè Jack Lawless alla batteria, JinJoo Lee alla chitarra e Cole Whittle al basso: le premesse per tornare in vetta alle classifiche mondiali ci sono tutte.

3- Oroscopo – Calcutta ft. Takagi & Ketra
E’ un mix di tante cose questo brano. La base è molto curata, ma allo stesso tempo prende molte sfumature elettroniche contemporanee; il testo è quasi un cantautorato moderno, dove i concetti vengono filtrati dai riferimenti più disparati. Il tutto per dire che è una bella canzone.
Calcutta nasce come duo musicale nel quale è rimasto solo Edoardo D’Erme, classe ’89 di Latina che lo scorso anno con l’album “Mainstream” ha cominciato a farsi conoscere al grande pubblico. La produzione della canzone è affidata a due nomi ben conosciuti nel panorama musicale italiano: Takagi, o THG, è stato esposto al pubblico quando faceva parte dei Gemelli DiVersi; Mr. Ketra invece da anni fa parte dei Boom Da Bash, gruppo reggae che calca le scene da tempo.

Top 5 – I migliori dischi del 2013

E siamo alla fine anche di questo anno. Il 2013 è stato pieno di sorprese (come ogni anno del resto, sfido a passare un anno dove non succede nulla!) e dal punto di vista musicale ha regalato moltissimi prodotti di qualità.
C’è modo migliore, se non una bella Top 5, per presentare i migliori dischi di quest’anno? Ovviamente no!
O magari c’è. Ma quando lo presentavano stavo andando a comprare la carta igenica.
Ci stavo coprendo la casa del presentatore.

E’ cosa buona e giusta ripeterlo ogni volta: questa Top 5 è la mia personale! Se avete opinioni diverse potete esprimerle con un commento, ma evitando epiteti gratuiti ed inutili. Anzi vi invito a suggerirmi pubblicazioni di quest’anno che non sono presenti in classifica per sentirle e, perchè no, scriverne qui.
Ma vi dico subito: i Vaiacagar non li ascolto.
Non mi piace la musica folk.

Copertina Clementino Mea Culpa 2013

5°: Clementino – Mea Culpa
Questo album, a mio modo di vedere, è il migliore tra quelli rap nel nostro paese. Sono usciti altri dischi interessanti (Dargen D’Amico, Fabri Fibra, Gemitaiz, Salmo), ma quello della Iena è senza dubbio il migliore. Unisce brani tipicamente hip hop a pezzi con basi morbide, come la hit O’ vient. Stessa hit che lo lancia come nuovo rappresentate della musica partenopea, con quel misto tra italiano e napoletano che lo rende un piezz ‘e core di tutti.
TRACCIA CONSIGLIATA: Fratello (ft. Jovanotti) —> Ascolta QUI

Ellie Goulding Halcyon Days Deluxe Version 20134°: Ellie Goulding – Halcyon Days
In teoria non vale, perchè è un repackaging dell’album del 2012, Halcyon, con qualche canzone in più. Però sono costretto a concedere un permesso straordinario: quelle canzoni in più sono straordinarie!
Devono, perchè meritano, stare dentro questa Top 5. La voce e lo stile della cantante inglese rimangono unici, lei è la sola che può realizzare i brani che fa.
TRACCIA CONSIGLIATA: Tessellate —> Ascolta QUI

Jay Z Magna Carta cover3°: Jay-Z – Magna Carta
Il Signor Beyoncé ha sfornato quello che in gergo viene chiamato “un album della madonna”.
Dentro c’è tutto quello che l’hip hop Made in USA ha da offrire: basi spettacolari, testi e flow da pelle d’oca. Senza parlare delle collaborazioni: Justin Timberlake, Frank Ocean, Rick Ross e non poteva mancare Beyoncé.
Shawn Corey Carter: hai fatto centro.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II (On The Run) (ft. Beyoncé) —> Ascolta QUI

Paramore Paramore 2013 cover cd2°: Paramore – Paramore
Il ritorno che io e milioni di altri fan aspettavamo. Nonostante la partenza di due elementi della band, il gruppo si è rialzato e ha pubblicato un disco che gli dona un’identità indissolubile. Il loro rock si ramifica e abbraccia tutto il mondo musicale. Questa musica E’ i Paramore, e il loro nome usato anche per quello del disco ne è la prova.
E poi c’è la voce di Hayley Williams.
TRACCIA CONSIGLIATA: Part II —> Ascolta QUI

Daft Punk Random Access Memories cd cover1°: Daft Punk – Random Access Memory
Mi spiace, ma non potete dire niente. Se avete sentito solo due canzoni non potete capire l’immensità di questo lavoro discografico. Un album sensazionale, fatto da due mostri della musica, più che elettronica.
Per convincervi, leggete le parole di Giorgio Moroder, apripista negli anni ’70 nell’uso delle nuove tecnologie nella musica e collaboratore in uno dei brani: “Quando sono andato allo studio di registrazione, era tutto pronto e vidi tre microfoni. Mi dissi ‘hanno paura che un microfono non funzioni‘, così chiesi al tecnico: ‘Perchè state usando tre microfoni?‘. Lui disse: ‘Quello sulla sinistra è per i vecchi suoni anni ’60, uno per gli anni ’70 e questo per quelli dei giorni nostri‘. ‘Chi sentirebbe la differenza?‘ e lui disse: ‘Nessuno‘. Così dissi: ‘Perchè Thomas (Bangalter, uno dei due Daft Punk) lo sta facendo?‘. ‘Oh,‘ disse ‘lui sentirebbe la differenza!“.
TRACCIA CONSIGLIATA: Instant Crush (ft. Julian Casablancas) —> Ascolta QUI

 

Come detto in precedenza, attendo i vostri commenti per sapere che ne pensate e quali album si trovano nella vostra personale classifica.
Auguro a tutti un felice anno nuovo, e che ci porti tanta tanta tanta bella musica come nel 2013!

Consegna speciale da Danti e Mastermaind

Danti Mastermaind Special Delivery EPIeri (11/11/13) è uscito in free download, e non solo, Special Delivery, l’EP di Danti insieme a Mastermaind.

Il rapper dei Two Fingerz e il produttore hanno dato vita a questo prodotto, classico per il mondo del rap, ma unico per la modalità con cui è stato rilasciato.
Oltre a poterlo scaricare gratuitamente, si può anche creare una propria playlist e mandarla a chi si vuole! Inserendo l’indirizzo email del destinatario, riceverà le tracce scelte da noi e potrà scaricarle a sua volta.
Soluzione originale e insolita, così come è lo stile di Danti.

Entrando nel dettaglio dell’EP, trovo sia un prodotto estremamente apprezzabile.
“Lasciato a riposo” Roofio, Danti sulle basi di Mastermaind sembra riscoprire quello stile leggero e divertente che caratterizzano i suoi inediti rilasciati in questo formato. Per intenderci, a me richiama molto le traccie di Ritorno al futuro, mixtape hostato da Fabri Fibra: i testi, come il flow e le basi, danno l’idea che i primi a divertirsi siano loro due, senza badare tanto alla forma o ai contenuti da offrire agli ascoltatori. Forma e contenuti che poi, dopo il primo ascolto, appaiono impeccabili e completamente in linea con l’atmosfera creata dai due. E soprattutto apprezzati da chi pompa in cuffia o in macchina.
Il disco si compone di otto tracce, più un piccolo extra video, con le collaborazioni (estremamente godibili) di Shade e 33giri.

Inutile dirvi che il prodotto è adatto a chiunque ami il rap italiano, soprattutto quello che intrattiene e lascia da parte storie di strada o citazioni di marchi extra lussuosi.
Lo consiglio anche a chi si avvicina per la prima volta a questo genere. Fa capire immediatamente cosa sta veramente alla base di questo stile musicale e di vita: l’evasione dal proprio mondo divertendosi con le parole.

A questo link potete scaricare l’EP di Danti (e trovate anche i precedenti), mentre qua sotto potete ascoltare quella che ritengo la traccia migliore del disco: aMsterDan, il featuring con Shade, con decine di citazioni a pittori famosi tutte da gustare.

# 0

Non è uno strano codice, è il titolo dell’EP pubblicato da Nerone in stretta collaborazione col produttore Biggie Paul, entrambi direttamente dalla famiglia Microfili Click.

Numero Zero Ep Cover

Numero Zero” contiene 9 tracce con svariate collaborazioni (Remmy, Mrb, Dj One C, Mr Rella e Nitro) e tutte le tracce contengono quello che è il buon Nerooney: un concentrato di esplosività in un composto ricco di testi intensi e flow accattivante. Nonostante il prodotto sia di alta qualità, si sente che il rapper milanese  ha ampi margini di miglioramento, ma soprattutto che ha tutte le carte in regola per riempirli tutti.

Per chi non si fida e vuole dare un ascolto preliminare, può sentire qui sotto la traccia “Lasciami solo“, in collaborazione con Nitro.

Se vi siete convinti (o lo eravate già) potete scaricare l’EP a questo link. Vale assolutamente la pena ascoltarlo per rimanere rapiti da uno dei primi candidati ad entrare tra i grandi nomi dell’hip hop italiano.

Il Gioco dei Troni

Circa un mese fa, quando ho finito di vedere tutte le serie “regolari” che seguo (Doctor Who, Once Upon A Time, How I Met Your Mother e The Big Bang Theory), ero arrivato alla tipica impasse di un appassionato di serie tv: e mo che mi guardo?
Non essendo fanatico, ho escluso a priori il riguardarmi una vecchia serie da capo dato che preferisco sempre carne fresca a una minestra riscaldata, anche se ce ne sono di ottime. Quindi decido di iniziare una serie della quale ho sempre sentito parlare bene e che mi incuriosiva: Game of Thrones.

La fine.

Noncurante della mia leggera passione per il mondo medievale, ma soprattutto per quella enorme legata ai vessilli, i colori e le fazioni di quel genere di mondi fantasy, ho iniziato la visione di “Il Trono di Spade“. E’ una serie realizzata dalla HBO e tratta dalla serie di romanzi “Cronache del ghiaccio e del fuoco” di George R. R. Martin.

Il logo di Game Of Thrones

La trovo molto affascinante. La crudezza nelle scene di combattimenti sul campo e sotto le coperte si sposano eccellentemente con una storia che ruota attorno il potere sui regni del Westeros e tutte le guerre, amori, vendette e tradimenti che vi ruotano attorno.
Da questo ne consegue un numero di personaggi tendente all’infinito che prima o poi sono destinati a lasciare lo spettacolo, nel 99% dei casi con la gola tagliata o con una spada nello stomaco. Ogni personaggio ha il suo scopo, la sua morale e tutto ciò che compie è in funzione di queste due, a meno di ordini dall’alto che ne possono ribaltare le azioni. Senza contare tutte le creature fantastiche (chi ha detto draghi e zombi?) e misteriose che minacciano i Sette Regni..!

Per darvi un minimo l’idea di chi popola questo mondo, ecco un breve spaccato sulle famiglie più importanti che dominano sui Sette Regni:

  • STARK
    Simbolo: lupo grigio. Motto: Winter is Coming
    I freddi uomini del Nord dal cuore d’oro. In questo folle corsa al potere, è l’unica famiglia che abbia un minimo di morale in quello che fa. Inevitabilmente finirete per fare il tifo per Eddard Stark e la sua famiglia. Inevitabilmente, se avete presente come girano queste storie, sapete già la fine che faranno.
  • LANNISTER
    Simbolo: leone dorato. Motto: Hear Me Roar!
    La famiglia più ricca di tutti i regni. Grazie ai soldi sono arrivati nelle sfere più alte del potere e hanno una marcia in più nelle guerre, ma all’interno è un vero puttanaio: fratelli fedifraghi, nani, figli malati di sangue e altre cose che non vi sto a dire per non rovinarvi tutto. Inevitabilmente finirete per odiare Tywin Lannister e la sua famiglia. O forse no.
  • BARATHEON
    Simbolo: cervo nero. Motto: Ours is the Fury
    All’inizio degli avventimenti sono al potere con Re Robert, mentre suo fratello Renly Baratheon fa parte del Concilio ristretto. E’ una famiglia ricca di contraddizioni, in cui gli appartenenti si assomigliano solo per l’aspetto e nemmeno un minimo per quanto riguarda i caratteri.
  • TARGARYEN
    Simbolo: drago a tre teste rosso. Motto: Fire and Blood
    Detronizzati da Robert Baratheon ed esiliati dal Westeros, i pochissimi eredi dei signori dei draghi meditano vendetta, ma soprattutto di tornare dove gli spetta, ovvero sul trono di spade. Riusciranno Viserys e Daenerys Targaryen, da terre molto lontane, a fare ritorno a casa e a riprendersi il potere?

loghi motti famiglie trono di spade
Spero siate riusciti a farvi un’idea di una parte dei personaggi che popolano questo mondo. Che personalmente ho conosciuto e apprezzato in un mese.
Per ora sono state messe in onda tre stagioni da dieci episodi ciascuna, con le riprese della quarta cominciate in questi giorni.
Siete curiosi di sapere chi ambisce al trono e chi, alla fine, vi ci siederà? Per scoprirlo dovrete solo cominciare a vederlo!

BONUS
Per chi avesse già visto le stagioni per ora trasmesse, o per chi è completamente noncurante dei possibili spoiler, ecco il riassunto in versione rap di tutte le trame coinvolte nella storia! Molto divertente, soprattutto azzeccatissimo come regalo per tuo figlio di 10 anni…

Quello che vi consiglio pure io Vol. 3

Sono quasi un paio di settimane che è fuori “Quello che vi consiglio Vol. 3“, l’ultimo mixtape di Gemitaiz. Il titolo da solo fa intendere che questo è il terzo capitolo nel quale il rapper romano dà sfogo alle sue rime, piene di esperienze di vita.

Il mixtape contiene 16 tracce, con collaborazioni decisamente apprezzabili con MadmanCanesecco, Primo, Nsp, Nayt ed Ensi. In ognuna di queste c’è tutto il genio e il flow di Gemitaiz, accompagnati da delle basi all’altezza del mc. Su YouTube, prima della sua uscita, sono stati pubblicati i video di due delle tracce del mixtape: “Nato Estremo” e “Fuori di testa“.
Se volete ascoltarvi uno dei migliori prodotti del rap italiano del 2012, il mixtape è in free download a questo link. E se le mie parole non sono bastate a convincervi, potete ascoltare qui sotto una delle tracce, ovvero “L’ho scelto“, con il featuring degli Nsp.

Haterproof

Spesso nel rap, quando c’è più di un cantante che canta una canzone, ogni rapper fa la sua strofa (perdonatemi, ma del gergo non sono ancora molto pratico). Di solito, più i rapper sono bravi, più la qualità del pezzo sale. Ma raramente due rapper intrecciano le loro rime e lo fanno davvero bene. Questa rarità è composta da il duo Gemitaiz + MadMan, coppia d’assi proveniente da Roma che con il loro mixtape Haterproof cala il poker.

Quindici tracce che danno grosso lustro alle rime dei due e alla tecnica, testi molto aggressivi come le basi che li accompagnano, dovute soprattutto alla collaborazione con DJ Harsh. Haterproof è uscito il 15 ottobre, potete ascoltarlo su Youtube e se vi garba acquistarlo scrivendo a haterproofmerch@gmail.com.
Per darvi un assaggio di quello che vi ho detto, qui sotto c’è il primo video realizzato, che è quello di Haterproof, canzone che dà il titolo al mixtape.

Cime di R-EP

Spuma Cru PhemilyDopo tanta attesa, questo lunedì è uscito “Cime di R-EP“, primo disco della Spuma Cru Phemily. Una raccolta di 15 tracce con un sacco di featuring (Julie, Skinny Bitch, Microfili Click, Morbo, Phoosa, Mr Dylom, Rigor Monkeez, Corte, Nerone, Ferro Giant). Tutta gente che probabilmente non conoscerete, ma fareste bene almeno a darle un ascolto perchè meritano l’impegno che ci mettono.

L’album è un bel concentrato di tutto quello che non troverete in un album di Marracash o Fabri Fibra: rime divertenti e ingegnose, temi quotidiani e mai troppo impegnati, produzioni che ti aprono con lo sventrapapere. Mi fa piacere conoscerli personalmente (non tutti i componenti anche fisicamente) e dato che mi sento sulla loro lunghezza d’onda, non mi dispiacerebbe affatto contribuire con Keen G, Room, Coka, DJ Ghostface e Porker Face nel loro viaggio musicale.

Per il free download del disco cliccate QUI, mentre sotto potete vedere il video che ha accompagnato l’uscita di “Cime di R-EP“, quello di “Non è musica ma estro“.